Genere: Djent

Without Mercy – Recensione: Seismic

Quando mi arrivò la mail con la possibilità di recensire questo nuovo progetto fui entusiasta per un paio di motivi: il primo perché troviamo alle chitarre due personaggi particolari, Jeff Loomis (Arch Enemy) e Chris Broderick (ex-Megadeth); il secondo perché questi personaggi sopracitati uniscono le forze in un...

Disperse – Recensione: Foreword

Jakub Zytecki è da annoverare tra i migliori rappresentanti di quella nuova schiera di chitarristi che si cimenta in sonorità djent ultratecniche ma senza mai perdere di vista la melodia; a differenza però dei vari Plini, Sithu Aye, Intervals… già da qualche album a questa parte il suo guitar work...

VOLA – Recensione: Inmazes

Che gruppo intrigante i VOLA! Djent di ormai stranota derivazione Meshuggah con linee vocali melodiche e aperture tastieristiche: questa la semplice formula di “The Same War” ad aprire “Inmazes” album autoprodotto risalente all’anno scorso ma ripubblicato ora da Mascot Records; non è quindi un caso che i danesi...

After The Burial – Recensione: Dig Deep

Quinto album, quarto su Sumerian Records, per gli After The Burial, gruppo metalcore/djent che giunge a questo nuovo traguardo dopo la tragedia dell’anno scorso relativa all’ex chitarrista Justin Lowe: nove pezzi per esorcizzare il tutto e procedere guardando avanti, questo è “Dig Deep”. La partenza con “Collapse” è...

Textures – Recensione: Phenotype

Continua imperterrita la marcia di una delle band più interessanti dell’underground europeo ossia i sottovalutati Textures. Dopo il bellissimo “Dualism” gli olandesi si ripresentano pressoché immutati nei contenuti nonostante la forma sia mutata soprattutto dall’abbandono di Jochem Jacobs, chitarrista ma anche produttore e uomo dietro la console. Non...