Tag: Meshuggah

Meshuggah – Recensione: ObZen

E’ difficile descrivere a parole ciò che i Meshuggah ci hanno offerto e ci offrono oggi. “Catch 33” rappresentava la visione più claustrofobica del mostro svedese e “ObZen” ne riprende la tematiche e le sfumature sonore. “ObZen” è rabbia, è dolore, è un’oscurità impalpabile che ti trafigge. A...

Meshuggah – Recensione: Catch 33

Il peggiore dei mondi possibili. È uno stato perverso di allucinazione, di claustrofobia, di ineluttabile impotenza. È come un labirinto di specchi: sempre uguale nonostante gli infiniti punti di vista diversi, senza uscita, nonostante ci si continui a muovere, pura manifestazione del caos, nonostante l’impeccabile ordine geometrico. Un’unica...

Meshuggah – Recensione: I

Dichiarazione d’identità questo ‘I’. Un EP di un unico brano della durata di circa 21 minuti che rappresenta a pieno il personale strumento di sregolata violenza sonora messo a punto dai cinque svedesi in questi anni. Inizia con uno snervante assalto frontale, preludio all’angosciante momento successivo, interminabile ed...

Meshuggah – Recensione: Nothing

‘Nothing’ è uno sferzare continuo, un prendere coordinate apparentemente distanti ed amalgamarle, comprimerle o dilatarle a seconda dell’utilizzo, è straniante come lo fu ‘Chaosphere’ il giorno della sua comparsa, ma va oltre. E’ il disco di una band che fa quello che le pare (in)sensato, senza alcuna preoccupazione...

Meshuggah – Recensione: Rare Trax

Ci si attendeva fuoco e fiamme da questo ‘Rare Trax’ che, come è evidente fin dal titolo, raccoglie brani inediti e rari della band svedese, se non altro per le dichiarazioni della band, secondo cui il materiale sarebbe stato addirittura sconvolgente. Di sconvolgente in realtà c’è solamente l’inutilità...