Nightwish – Recensione: Showtime, Storytime

Ne sono cambiate di cose in casa Nightwish dall’ultimo live DVD della band, l’eccellente “End Of An Era” datato 2006. La più evidente è senza dubbio l’arrivo in pianta stabile di Floor Jansen dietro al microfono, evento che ha fatto seguito alla dipartita della mai troppo amata Anette Olzon, a sua volta sostituta della tanto talentuosa quanto ingombrante figura di Tarja Turunen. Il tastierista e mastermind Tuomas Holopainen ha nel frattempo avuto modo di dimostrare, grazie a quest’ultimo avvicendamento, quanto le sue capacità compositive e la sua immaginazione fossero genuini, e non solamente dipendenti dal carisma e dalla bravura di una particolare frontwoman. Non possiamo poi non menzionare l’ingresso in formazione del colto polistrumentista inglese Troy Donockley, importante supporto sia in sede live che in fase compositiva. Il gruppo ha quindi deciso che fosse il momento di fare il punto della situazione e di presentarsi al pubblico con un nuovo maestoso live video, spettacolo realizzato nel più puro e scenografico stile proprio dell’ensemble finnico.

La cornice individuata per effettuare le riprese è l’edizione 2013 del Wacken Open Air Festival: scelta decisamente inflazionata, bisogna ammettere, dato che per calcolare tutte le band che negli ultimi tempi hanno registrato un live al famoso festival tedesco sarebbe ormai necessario aprire un file Excel. Non appena però visioniamo il DVD e notiamo come l’immensa folla ai piedi del palco sia in perenne visibilio e canti con il gruppo finlandese dall’inizio alla fine del concerto, non possiamo certo criticare la decisione dei Nightwish. L’allestimento tipico di un grande e maestoso show è poi più che mai presente: fuochi d’artificio, botti e fiammate a profusione, maxischermo, teloni, impressionanti elementi scenici (su tutti il finto organo che circonda la tastiera di Tuomas) e un uso massiccio di luci d’ogni intensità e colore non lasciano mai che il vuoto e la monotonia abbiano il sopravvento.

Se passiamo ad analizzare la performance della band, ci sono davvero poco appunti da fare. L’esecuzione è convincente e appassionata e vi possiamo ritrovare tutte le costanti di un concerto dei Nightwish: la concentrazione al limite dell’estasi di Tuomas Holopainen, la simpatia e l’impegno del chitarrista Emppu Vuorinen, il carisma e la carica del bassista Marco Hietala e la “quantità” del batterista Jukka Nevalainen. A loro si aggiunge poi per la prima volta il già citato Troy Donockley, che all’occorrenza fa il suo ingresso in scena per suonare i più svariati e originali strumenti. Che dire poi del debutto su supporto ottico di Floor Jansen: dovessimo riassumere la sua prestazione con una sola parola, questa sarebbe “personalità”. La cantante olandese non rincorre infatti la potenza lirica di Tarja Turunen sui classici della band, e nemmeno la delicatezza di Anette Olzon sui pezzi più recenti, ma offre la propria singolare visione delle canzoni della band, con un’interpretazione in cui preparazione tecnica e grinta si uniscono alla perfezione.

Considerando infine la scaletta, quest’ultima presenta qualche pezzo in meno e l’uscita di alcuni grandi classici rispetto al precedente DVD marchiato Nightwish, ma è comunque soddisfacente. I cavalli di battaglia “Ever Dream”, “Bless The Child”, “Nemo” e “Wish I Had An Angel” ci sono tutti, al pari delle canzoni più popolari degli ultimi due album della band come “Amaranth”, “Storytime” e “I Want My Tears Back”. Ottima inoltre la versione dal vivo della bellissima strumentale “Last Of The Wilds”, con tutti i musicisti del gruppo in grande spolvero e Troy Donockley finalmente in primo piano.

Arrivati dunque al giudizio finale su questo “Showtime, Storytime”, non possiamo che dirci molto soddisfatti. Il DVD in questione non ha probabilmente la completezza e la solennità di “End Of An Era”, ma costituisce un’importante e interessante testimonianza dell’attuale ottimo stato di forma dei Nightwish. Una band in costante mutamento che neanche alla prova del suo secondo live video ha compiuto il fatidico passo falso.

Voto recensore
8
Etichetta: Nuclear Blast

Anno: 2013

Tracklist:

01. Dark Chest Of Wonders
02. Wish I Had An Angel
03. She Is My Sin
04. Ghost River
05. Ever Dream
06. Storytime
07. I Want My Tears Back
08. Nemo
09. Last Of The Wilds
10. Bless The Child
11. Romanticide
12. Amaranth
13. Ghost Love Score
14. Song Of Myself
15. Last Ride Of The Day
16. Outro (Imaginaerum)


Sito Web: http://nightwish.com/en/

matteo.roversi

view all posts

Nerd e metallaro, mi piace la buona musica a 360 gradi e sono un giramondo per concerti (ma non solo per questi). Oltre al metal, le mie passioni sono il cinema e la letteratura fantasy e horror, i fumetti e i giochi di ruolo. Lavorerei anche nel marketing… ma questa è un’altra storia!

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi