Autore: Matteo Roversi

Nerd e metallaro, mi piace la buona musica a 360 gradi e sono un giramondo per concerti (ma non solo per questi). Oltre al metal, le mie passioni sono il cinema e la letteratura fantasy e horror, i fumetti e i giochi di ruolo. Lavorerei anche nel marketing… ma questa è un’altra storia!

About Matteo Roversi

has published 1158 posts

Nerd e metallaro, mi piace la buona musica a 360 gradi e sono un giramondo per concerti (ma non solo per questi). Oltre al metal, le mie passioni sono il cinema e la letteratura fantasy e horror, i fumetti e i giochi di ruolo. Lavorerei anche nel marketing… ma questa è un’altra storia!

ScreaMachine – Recensione: ScreaMachine

L’omonimo debutto degli ScreaMachine è un’opera prima, ma i musicisti che compongono la band non sono certo dei novellini. Tra le fila della formazione capitolina compaiono infatti membri di Stormlord e Kaledon, realtà ormai affermate sulla scena nazionale con decenni di storia alle spalle. Da un’idea di Francesco...

Enforcer – Recesione: Live By Fire II

A nemmeno troppi anni di distanza, gli Enforcer danno un seguito al loro precedente live con un secondo disco dal vivo, intitolato molto semplicemente “Live By Fire II”. I nuovi beniamini dello speed metal giocano sul sicuro immortalando un’esibizione a Città del Messico: come di solito accade in...

Septagon – Recensione: We Only Die Once

I Septagon non saranno nulla di trascendentale o particolarmente impegnativo, ma la loro proposta risulta davvero gradevole. Fautori di un thrash veloce e melodico dalle tinte metalcore, arrivati alla terza uscita col presente “We Only Die Once” i cinque tedeschi dimostrano di saperci proprio fare. Nulla di innovativo...

Secret Sphere – Recensione: Lifeblood

“Lifeblood”, nuovo album per i Secret Sphere, rappresenta innanzitutto un piccolo evento per la band piemontese. Il disco vede infatti il ritorno all’ovile, dopo quasi dieci anni d’assenza, del cantante “storico” Roberto Messina: re-entry che fa seguito alla lunga parentesi con Michele Luppi dietro al microfono. Un cambio...

Wardruna – Recensione: Kvitravn

Originariamente pensato per una release a metà 2020, “Kvitravn”, ultimo album dei Wardruna, viene immediatamente recuperato con l’inizio del nuovo anno. Il disco dell’ormai one-man-band di Bergen si pone in perfetta continuità con il precedente “Skald”: Einar Selvik, infatti, è l’unico componente accreditato rimasto, nonché l’autore di tutti...

Asphyx – Recensione: Necroceros

Gli inossidabili alfieri del death più oscuro e tinto di doom continuano a pestare duro e sono sempre in ottima forma. Questo è l’inevitabile e immediato giudizio che ci viene naturale esprimere dopo aver ascoltato “Necroceros”, ultima fatica degli Asphyx. La fondamentale band olandese tende ormai a centellinare...