Metallus.it

Noctuary – Recensione: Where Fires Breed Blood

Black metal di stampo nordico dalla California, questa la proposta dei Noctuary. Impossibile ritenersi soddisfatti della prestazione di un gruppo che, oltre a soffrire di una registrazione approssimativa, cerca senza ispirazione di imitare i modelli storici del genere, fallendo miseramente nell’approccio sibilante degli Emperor così come in quello più grezzo dei Mayhem. L’inclusione occasionale di elementi pseudo-classici, interludi acustici e altro risulta posticcia e affrettata, e solo pochi passaggi perlopiù strumentali (l’inizio di ‘…And Hate Embraced This Night’) hanno la carica sufficiente per staccarsi dalla massa nera informe di ‘When Fires Breed Blood’.

Exit mobile version