Vitalines – Recensione: Wheels Within Wheels

I Vitalines sono un nuovo progetto melodic rock che combina i talenti di Robbie LaBlanc e Tommy Denander, cui si unisce il batterista Neil Anami. Sonorità dirette ed eleganti, brani interpretati con la consueta classe dal cantante e con una scrittura e degli arrangiamenti che contengono riferimenti piuttosto espliciti ai mostri sacri del genere, Survivor su tutti: massiccio uso di tastiere, ritornelli immediatamente memorizzabili, quel po’ di grandeur che non guasta.

Ma l’essere in un certo senso derivativi non è necessariamente un punto a sfavore dei Vitalines, che anzi conquistano con quel senso di familiarità che permea ad esempio l’ottantiana “Love And Thunder”, fino ad entusiasmare nelle splendide sinuosità di “When spirits Fight”, picco dell’album che agli ingredenti di rito aggiunge anche il pathos del calore e di un certo intimismo, fino a dove il genere lo può consentire chiaramente.

Tutta la scaletta scorre via fluida, con alcuni momenti particolarmente godibili come le punteggiature di “Cards From Another Game” o la struggente malinconia del mid-tempo “Life Waits For No One” fino ad arrivare alla conclusiva “Nothing But Silence”, ariosa e carica di gloria, degno suggello di un’opera notevolissima e di un connubio artistico che oltre ad essere decisamente efficace ha la fondamentale dote di far sentire una vera e propria anima.

Etichetta: Frontiers Music

Anno: 2023

Tracklist: 01. Judgement Day Is Here 02. Love Not Fantasy 03. Hello World - We Need To Talk 04. Cards From Another Game 05. Love And Thunder 06. When Spirits Fight 07. You Never Know With Magic 08. Life Waits For No One 09. You’re The Reason I Am 10. Wheels Within Wheels 11. Nothing But Silence
Sito Web: https://www.facebook.com/singitrobbie/

giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Zorro

    You Never Know With Magic, cover dei Mystic Healer di Mark Mangold

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi