Gary Hughes – Recensione: Veritas

A diversi anni di distanza dal sontuoso AOR di “Precious Ones”, Gary Hughes torna con un nuovo album solista. Un lavoro che, in modo difficile da spiegare a parole, spiazza per la difficoltà di collocarlo in un punto esatto del panorama musicale: il gusto per la melodia di classe è intatto, ma l’articolazione complessa delle composizioni e le divagazioni messe in campo da Hughes rendono “Veritas” un album quasi sfuggente, che necessita di diversi ascolti prima di poter essere compreso ed assorbito fino in fondo. Il giudizio, alla fine, è moderatamente positivo: se da un lato c’è la conferma di quello che è semplicemente uno dei più grandi compositori di melodic rock song, dall’altro l’efficacia e l’incisività non sono quelli dei tempi migliori. Buona la performance del cantante, mentre la band che lo accompagna si limita a fare il compitino senza strafare. Sono della partita, fra gli altri, i Ten Chris Francis e John Halliwell.

L’interpretazione calda di Hughes funziona ancora magicamente laddove le atmosfere si fanno più rarefatte, e così a mettere la pelle d’oca arrivano puntuali le ballad “Wide Awake In Dreamland” e “The Everlasting Night”, come già altri momenti dei brani precedenti. E così l’album si mantiene in una sorta di limbo emotivo, il cantante inglese si muove con esperienza su un velluto di suoni che avvolge invece di graffiare, e lo fa con apprezzabili risultati soprattutto nella parte centrale, se si eccettua il risibile uso di voci infantili in “Synchronicity”. Atmosfere quasi magiche vengono create dalle tastiere – a cura dello stesso Hughes – in “I Pray For You”, mentre in “I Know It’s Time” si respira la purezza AOR dell’album solista omonimo di Hughes: un sound di efficace finzione per uno dei pezzi più leggeri e riusciti del lotto.

In definitiva un buon album, fatto per chi è alla ricerca di melodie ricercate ma non troppo e di carezza, più che di sferzate di robusto rock.

Voto recensore
7
Etichetta: Frontiers

Anno: 2007

Tracklist: 01. Veritas
02. See Love Through My Eyes
03. In My Head
04. Time To Pray
05. Wide Awake In Dreamland
06. I Pray For You
07. Synchronicity
08. Strange
09. All I Want Is You
10. I Know It's Time
11. The Emerald Sea
12. The Everlasting Night

giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi