God Dethroned – Recensione: Under The Sign Of The Iron Cross

La seconda guerra mondiale e il metal estremo sembrano  avere un feeling particolarmente elevato. Sono molti infatti i brani e i concept dedicati da parte di band black o death a quello che rimane l’ultimo grande evento bellico dell’era moderna. I God Dethroned non potevano quindi mancare l’appuntamento con la loro visione della materia, soprattutto dopo aver esplorato la disperazione portata dalla prima (guerra mondiale) attraverso l’emblematica e infinita battaglia di Passchendaele nell’album precedente.

Musicalmente siamo davanti ad un’opera che raccoglie il meglio dello stile asciutto, violento e comunque melodico che siamo ormai abituati ad associare alla band olandese. Se qualcuno sentiva la mancanza di quei passaggi black oriented e delle armonizzazioni tenebrose ben presenti in album come “The Grand Grimoire” e “Bloody Blasphemy”, sarà contento di sentire che “Under The Sign…” si riavvicina spesso e volentieri a quelle coordinate stilistiche. Lo fa tra l’altro azzeccando quasi sempre proporzioni ed ingredienti, colpendo dritto il bersaglio dell’immediatezza, ma mantenendo un livello più riflessivo nei momenti meno brutali che non farà stancare dopo pochi ascolti.

A ben impressionare sono infine la grande convinzione con cui i God Detrhoned affrontano le composizioni (leggasi tiro ritmico ed espressività) e una qualità di suono ottimale, come mai raggiunto prima nelle uscite della band. Una componente che da un lato mostra miglioramenti non irrilevanti, dall’altro appare però l’unico vero elemento di novità presente in un contesto che lascia aperto il campo a qualche critica legittima proprio per questo suo immobilismo.

Se vi sembra insomma di ascoltare un po’ la solita solfa non riusciamo a darvi torto, ma come dire: sarà solo black’n’death, ma a noi alla fine piace anche così!

o

Voto recensore
7,5
Etichetta: Metal Blade / Audioglobe

Anno: 2010

Tracklist:

01. The Declaration of War 00:57
02. Storm of Steel 03:41
03. Fire Storm 03:09
04. The Killing Is Faceless 04:54
05. Under the Sign of the Iron Cross 05:15
06. Chaos Reigns at Dawn 04:05
07. Through Byzantine Hemispheres 03:04
08. The Red Baron 03:51
09. On Fields of Death & Desolation 07:29


Sito Web: http://www.goddethroned.com/

riccardo.manazza

view all posts

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi