Bloodshot – Recensione: Ultimate Hatred

Nonostante il Belgio sia teatro di uno degli eventi più grossi del mondo nel metal, il Grasspop Festival, sono poche le bands provenienti da Brussels e dintorni che mi sono capitate fra le mani fin’ora (complice il fatto probabilmente di trattare generi esclusivamente di appannaggio tedesco, come il power…). Bè, le mie preghiere evidentemente devono essere state ascoltate, perché i Bloodshot sono una genuina band di metal estremo dell’ultima ondata di questi anni, capace ed incredibilmente arrabbiata!

Eppure i Bloodshot affondano le loro radici nel 2000, anno della loro prima apparizione sul mondo a mezzo canonica demo, per sfociare in un lp nel 2002. ‘Ultimate Hatred’ è la seconda fatica del quintetto tritaossa, idilliaco omaggio ad un noto e storico serial killer: Jeffrey Dahmer (il cannibale di Milwaukee!).

La musica è onestamente ispirata (nel senso che, pur pescando a piene mani, non copia spudoratamente) agli Hatebreed e agli Obituary. Pur non peccando più di troppo nel fare riferimenti ad un certo modo di comporre musica, i Bloodshot risentono dei cliché sonori del genere nu-core; batterie triggeratissime, quindi, chitarre macinanti atone, per quanto sono affogate nella distorsione e voce urlante al limite dell’isteria. Non che questo rappresenti un problema (ci mancherebbe!), ma non capisco proprio perché tocchi attirarsi addosso certi bollini e marchiature, come a voler far parte per forza di un mainstream…

Per il resto, come già osservato in precedenza, ci ritroviamo di fronte ad un onesto lavoro. ‘Ultimate Hate’ vanta 9 tracce per 41 e rotti minuti di musica tirati e monolitici, dove i ragazzi non mancano di fare sfoggio di tutta la loro abilità, con ottime ritmiche e persino qualche solo. Il drumming, pur non essendo niente da far gridare al miracolo, svolge bene il suo lavoro e si mantiene su binari “nella norma” (a questo mi riferivo, quando dicevo che erano PESANTEMENTE influenzati da certi cliché stilistico/compositivi) senza annoiare e senza strafare.

Voto recensore
7
Etichetta: Scarlet / Audioglobe

Anno: 2006

Tracklist:

01. Spill The Blood
02. Pleasure Through Pain
03. Forever Soulless
04. Two Faced Freak
05. Lair 213
06. NMC
07. Welcome To Milwaukee
08. C-Evil-Isation
09.Bloodshot - Scumlord


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi