Blood Axis – Recensione: Ultimacy (MCMXCI-MMXI)

Nuova release per l’autore/giornalista/musicista Michael Moynihan, che con i suoi baldi Blood Axis si riaffaccia sul mercato con una preziosa raccolta che come già il precedente album “Born Again” viene data alle stampe dalla Storm, label di sua proprietà che ha prodotto, tra gli altri, artisti del calibro di Allerseelen, Sangre Cavallum e Changes.

Creato assemblando singoli e tracce uscite solo su compilation, il disco di cui stiamo parlando si compone di quattordici pezzi (di cui uno remixato) registrati tra il 1991 e quest’anno, che ci consentono di acquisire un quadro generale di quella che è stata l’evoluzione dell’artista e dei suoi compagni Annabel Lee e Robert Ferbrache; ricordiamo che quest’ultimo ha anche curato il mastering presso i suoi Absinthe Studios di Westminster (Colorado) assieme al leader della band. Se guardiamo alle sporadiche ma eccellenti release della band potremmo dire che Blood Axis sta alla nascita del neofolk statunitense come Death SS sta a quella del metal italiano, e il riferimento al metal non è del tutto casuale, dato che Moynihan è stato, assieme a assieme a Didrik Søderlind, autore del volume “Lords of Chaos: The Bloody Rise of the Satanic Metal Underground”. E non solo, in ambito industrial sono celebri anche le sue collaborazioni con mostri sacri tra cui il connazionale Boyd Rice e Douglas P… Inutile cercare di identificare i pezzi migliori del cd, che con i loro richiami alla musica irlandese (violino) da una parte e post-industriale (marce campionate) dall’altra e col loro afflato intimista (voce femminile) sono tutti degni di essere assaporati senza eccezioni.

Per chi non lo avesse mai preso in considerazione, è un’importante occasione per avvicinarsi a un gruppo che, nonostante le poche uscite, ha scritto un pezzo fondamentale della storia del neofolk d’Oltreoceano; per coloro che invece lo conoscono già è un’ottima opportunità per accaparrarsi la (ri)stampa di tracce pressoché irreperibili su cd (per non parlare del vinile…)

Voto recensore
8
Etichetta: Storm

Anno: 2011

Tracklist:

01. The Ride
02. Wir Ruten Deine Wolfe
03. Mandragora (Alraune)
04. The March Of Brian Boru
05. Follow Me Up To Carlow
06. Der Gefallene Engel
07. Herjafather
08. The Hangman And The Papist
09. Bearer Of 10.000 Eyes – Lord Of Ages
10. Electricity
11. Life
12. Eternal Soul (Germania Remix)
13. The Storm Before The Calm
14. Walked In Line


Sito Web: http://www.bloodaxis.com

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi