Trivium: la musica metal “può essere heavy senza essere estrema”

Silence In The Snow” è senza dubbio un album che farà discutere i fan dei Trivium. In uscita oggi, il nuovo lavoro segna una sterzata netta in territori più puliti e classicamente “heavy“, con puntate sul power moderno. Ne abbiamo parlato con Paolo Gregoletto, bassista della band, che ci ha spiegato il motivo di questo cambiamento nel sound dei Trivium.

Abbiamo guardato indietro ai nostri 10 anni come band, ma ci siamo anche guardati intorno, a cosa è diventato il metal e alla direzione in cui sta andando. Abbiamo parlato molto dell’album prima di cominciare a lavorarci e, il punto che vogliamo affermare, è che la musica heavy può avere grandi melodie, può avere forza, può essere heavy senza essere estrema. Il nostro messaggio è che si può portare questo stile musicale ad un nuovo livello, come d’altronde è stato in passato. Noi abbiamo utilizzato album classici come fonte di ispirazione durante il processo di scrittura e abbiamo pensato “Hey, questa musica può essere ancora più grande di com’è adesso”. Per noi, il punto è creare canzoni che funzionino, che siano divertenti da suonare e usare album classici come fonte di ispirazione ci ha aiutato a creare l’idea dietro questo lavoro. Credo che il bello di questo disco è che inizia e finisce con un’idea solida: è una dichiarazione.

Gregoletto-Trivium-Metallus

tommaso.dainese

view all posts

Folgorato in tenera età dall'artwork di "Painkiller", non si è più ripreso. Un caso irrecuperabile. Indeciso se voler rivivere i leopardi anni '80 sul Sunset o se tornare indietro nel tempo ai primi anni '90 norvegesi e andare a bere un Amaro Lucano con Dead e Euronymous. Quali siano i suoi gusti musicali non è ben chiaro a nessuno, neppure a lui. Dirige la truppa di Metallus.it verso l'inevitabile gloria.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi