Noumeno – Recensione: Trapped

I Noumeno sono quattro musicisti nostrani con i controfiocchi e propongono questo sorprendente album di debutto intitolato “Trapped”, costituito da otto tracce totalmente strumentali. Trattasi di una scelta piuttosto insolita e coraggiosa, ma che si rivela decisamente azzeccata e convincente. La realizzazione di un album strumentale potrebbe infatti rivelarsi in qualche modo controproducente e denunciare qualche difficoltà nell’esser seguita dall’ascoltatore, ma non è così che accade: i brani di “Trapped” sono infatti assolutamente dinamici, melodici, vari e articolati in maniera tuttavia sempre molto musicale, fluente ed accattivante, senza mai denunciare cali di tono, e non è certo questa cosa da poco. Le esecuzioni e i suoni sono impeccabili, il livello tecnico è altissimo, da veri professionisti, tale da nulla invidiare ai colleghi internazionali. Le influenze denunciate dalla band in bibliografia sono Meshuggah, Liquid Tension Experiment, Spastic Ink, Symphony X, Cacophony, Racer X, Cynic e Death. C’è senza dubbio molto prog nella proposta musicale dei Nonumeno, che fanno venite in mente a chi scrive tuttavia particolarmente delle sonorità prossime ai Cacophony di Marty Friedman e Jason Becker, cui è dedicata la seconda traccia dell’album, intitolata appunto “Jason Becker Tribute”, ma anche i lavori solisti dei menzionati guitar heroes, nonché persino lo stile chitarristico di Petrucci e Satriani. Diciamo che la sopraffina tecnica che caratterizza ogni esecuzione non ne soverchia mai il disegno fortemente melodico e musicale, costituendo il punto forte di questo “Trapped”. Da segnalare infine l’eccezionale partecipazione di special guest quali il blasonato tastierista ucraino-americano Vitalji Kuprji e il nostro funambolico chitarrista Francesco Fareri, protagonisti di clamorosi assoli rispettivamente nei brani “Visionary Schizophrenia” e “Anger In Vain”.

“Noumeno” nella dottrina di Platone è l’oggetto dell’attività intellettiva, del puro pensiero, l’idea; nella filosofia di Kant, la realtà in sé, pensabile razionalmente ma non conoscibile attraverso l’esperienza sensibile, in contrapposizione al fenomeno, di cui è però il fondamento.

Voto recensore
7
Etichetta: UK Divison Records

Anno: 2009

Tracklist: 01. 24
02. Jason Becker Tribute
03. Panda Song
04. Visionary Schizophrenia
05. Without Fear, Without Pain
06. A Sense Of Agony
07. Mind Labyrinth
08. Anger In Vain
09. Psychotic Syndrome

Sito Web: http://www.myspace.com/noumenoband

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi