Velvetcut – Recensione: Thirteen

Davvero un buon lavoro questo ‘Thirteen’, debut album per i finlandesi Velvetcut, una band che unisce la malinconia del gothic scandinavo alla grinta del rock classico, con in più qualche soluzione “easy listening” in chiave brit pop.

Il disco inizia puntando i riflettori sull’orecchiabilità, con due brani (‘Lady Solitude’ e ‘Everyone To Please’) dal riffing compatto ma con un refrain tanto accattivante che potreste ritrovarvi a canticchiarlo in men che non si dica. Da notare come la band assicuri comunque ai brani un alone di malinconia, grazie soprattutto alle vocals profonde e interpretative di Tomi.

Una malinconia che ritroveremo nella ballad ‘The Chase’, dove entrano strumenti come il violoncello e la chitarra acustica, nella più heavy ‘Where Love Has No Name’ e ancora nell’atmosferica ‘Blow Out The Flame’.

Degna di menzione è anche la conclusiva ‘Go Away’, brano più particolare dai ritmi lenti e ipnotici (in alcuni momenti sembra di scorgere piccole gocce degli ultimi Anathema) dove rientrano le chitarre acustiche unite a conturbanti sfumature elettroniche.

Un disco di buona qualità, non ancora un capolavoro sia chiaro, ma la band finlandese riesce comunque a creare una serie di brani incisivi e assai piacevoli, a cavallo tra un corpus dark e interessanti potenzialità commerciali.

Voto recensore
7
Etichetta: Firebox / Masterpiece

Anno: 2006

Tracklist:

01.Lady Solitude
02.Everyone To Please
03.Room Of Our Existence
04.Comfortable Silence
05.The Chase
06.Dominoes
07.Where Love Has No Name
08.The Resident
09.Blow Out The Flame
10.Go Away


andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi