Andrew W.K. – Recensione: The Wolf

Riappare la ciurma capitanata da Andrew W.K, fenomeno venuto alla luce circa un paio di anni or sono con lo spassoso e riuscito ‘I Get Wet’, la cui copertina con il faccione insanguinato del protagonista aveva infestato praticamente mezza America e non solo.

Purtroppo lo scanzonato ragazzotto californiano non riesce stavolta a far trasparire quella certa immediatezza ed a dipingere di puro divertimento le canzoni, come invece era ben riuscito a fare nelle dodici tracce del debutto.

Complice di questa debacle qualitativa, unitamente alla generale carenza di freschezza nel songwriting e di idee interessanti, è senz’altro la volontà di inserire nell’originario impasto di “party-rock”, massicce dosi di tastiere troppo dolciastre le quali, suonate e concepite in maniera davvero infantile e pressappochista, divenendo persino irritanti in alcuni passaggi, riescono decisamente a coprire di ridicolo tutte le composizioni che, in quest’occasione, non godono neppure di una benché minima incisività.

Osservando infine con attenzione la nuova copertina che ci consegna un Andrew W.K in posa di mezzo profilo assai forzata, manteniamo la speranza che, alla prossima uscita, il “sangue” ricompaia prepotentemente e fluisca copioso nell’artwork, nelle canzoni e, soprattutto, nell’attitudine del giovane interprete.

Voto recensore
3
Etichetta: Island

Anno: 2003

Tracklist:

01. Victory Strikes Again

02. Long Live The Party

03. Tear It Up

04. Free Jumps

05. Never Let It Down

06. Your Rules

07. The Song

08. Make Sex

09. Totally Stupid

10. Really In Love

11. The End Of Our Lives

12. I Love Music


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi