El Caco – Recensione: The Search

Procede senza indugi il processo di allontanamento degli El Caco da quello stoner che aveva caratterizzato e arricchito il positivo esordio di ‘Viva’, che aveva raccolto diversi consensi fra pubblico e critica. L’opener del successivo ‘Solid Rest’ spiazzava per la sua aggressività, ma le canzoni successive riportavano il tutto su binari già noti.

È con questo terzo capitolo che il trio norvegese spezza quasi completamente ogni contatto con il passato. Lo stoner, in senso proprio, cessa praticamente di esistere, lasciando il posto ad un rock duro e roccioso, debitore di una certa “nuova” scuola americana e ricco di ritornelli ariosi. Le chitarre sono ancora grosse (non a caso dalle parti della consolle gravitava Daniel Bergstrand, già all’attivo con In Flames e Meshuggah), ma non più grasse ed i riff non pescano più dal blues – inevitabile soluzione per chi tratta quella materia – ma si limitano ad un lavoro, quadrato ed essenziale, di sostegno alle linee vocali.

Bella la semi-ballad ‘Dislocated’ ed una serie di ritornelli che si fanno subito spazio nel cervello, ma l’impressione che rimane al termine dell’ascolto è quella di un gruppo ancora alla ricerca della nuova strada da seguire: tentato da troppe opzioni ma convinto da nessuna.

Voto recensore
6
Etichetta: Black Baloon / Andromeda

Anno: 2005

Tracklist: 01. Someone New
02. Stuck To Deteste
03. Underneath
04. Fallen
05. Substitute
06. Dislocated
07. Leaving
08. Lord It
09. Straitjacket
10. The Tender Sin
11. Down The Lake

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi