The Privateer: a gennaio l’album “Kingdom Of Exiles”

Comunicato stampa:

Con le vele completamente spiegate, l’equipaggio di sei membri dei THE PRIVATEER ha intrapreso un viaggio piratesco dal 2007. Ispirati dall’heavy metal classico, dal death moderno e dal folk metal, i bucanieri di Friburgo creano il loro caratteristico suono. Con le loro canzoni raccontano storie di tesori nascosti, mondi lontani, vecchie storie di marinai e miti del mare.
 
L’equipaggio ha appena annunciato l’uscita del nuovo album in studio “Kingdom of Exiles” il 20 gennaio 2023 su Reaper Entertainment e si prepara per nuove avventure…
 
La band commenta: 

Finalmente è fatta! Abbiamo lavorato a lungo su ‘Kingdom of Exiles’ e siamo davvero felici di poter finalmente liberare dal guinzaglio il nuovo album ‘Kingdom Of Exiles’! Aspettatevi niente di meno che riff trascinanti, grandi ritornelli e per la prima volta solo urla femminili! Per la copertina dell’album abbiamo coinvolto l’incredibile Dusan Marcovic! Aspettatevi una produzione di spessore dalle sacre sale degli Iguana Studios, che vi porterà alla ricerca di culture perdute, miti dimenticati e tesori nascosti.

La tracklist di “Kingdom Of Exiles” è la seguente:
1. Cadence Of Life
2. Madness Is King
3. Queen Of Fire And Wind
4. The Darkest Shadow Of Life
5. Foretold Story
6. Kingdom Of Exiles
7. The Realm Of The Forest
8th Ghost Light
9. Memory Of Man
 
Il primo singolo “The Darkest Shadow Of Life” uscirà il 4 novembre. Restate sintonizzati!
 
THE PRIVATEER sono:
Clara Held – Voce & Violino
Kim Fritz – Batteria
Eric Tobian – Basso
Roman Willaredt – Chitarra
Christian Spöri – Chitarra

anna.minguzzi

view all posts

E' mancina e proviene da una famiglia a maggioranza di mancini. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi mai smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va al cinema, canta, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Adora i Dream Theater, anche se a volte ne parla male.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi