House Of Lords – Recensione: The Power And The Myth

Sicuramente dopo aver apprezzato il trittico formato dall’omonimo, ‘Sahara’ e ‘Demons Down’ era facile aumentare l’adrenalina per l’attesa di un nuovo capitolo a firma House Of Lords. Ecco che infatti ‘The Power And The Myth’ giunge a rompere un lungo silenzio riportando quel medesimo nome all’attenzione del mondo "rock melodico". Purtroppo dal silenzio si passa ad un urlo sgraziato, qualcosa sembra essere andato storto, forse non ci sono le ottime canzoni, forse l’iniezione di moderno all’interno della proposta del gruppo è stata fatta da qualche infermiere improvvisato. Forse, soltanto, questo non è il disco che ci si aspetta da una band con un passato così illustre. Forse questo è il peggior disco di questa band. O forse ancora questa band ha deciso di imboccare una strada nuova più orientata verso la leggerezza rispetto alla magnificenza che la contraddistingueva. Forse questa band senza Greg Giuffria sarebbe come i Savatage senza Oliva.

Vigorosa sterzata su strutture rock e pop, nonostante un James Christian in forma anche se non ai massimi livelli (forse penalizzato dalle strutture su cui deve cantare qualcosa?), un disco che è stanco e che fiacca attraverso troppi momenti di noia l’ascolto. Con tutta probabilità un disco fatto di fretta, troppa, per potergli garantire qualche possibilità. Probabilmente un disco fatto da session men e non da una band, nato senza l’interazione necessaria per potergli garantire un minimo di compattezza… Manca il classico tocco, ci si rincorre per far finta di sperimentare sui suoni e ci si dimentica che se le canzoni alla base non sono grandi, se una band perde il proprio collante, la strada per un gruppo di "rock melodico" è giunta al capolinea. A volte i ritorni portano vigore. Altre, come in questo caso, soltanto una grossa delusione nonostante le firme apposte in calce a dei contratti e la proverbiale ventata nostalgica appartenente ad un nome di rilievo come quello della (ex?) band in questione.

Voto recensore
3
Etichetta: Frontiers

Anno: 2004

Tracklist: 01. Today
02. All Is Gone
03. Am I The Only One
04. Living In Silence
05. The Power And The Myth
06. The Rapture
07. Man Who I Am
08. Bitter Sweet Euphoria
09. Mind Trip
10. Child Of Rage

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi