The Defiants – Recensione: Drive

Terzo album e terzo centro per The Defiants, creatura dell’universo Danger Danger che continua a proporre album di eccellente hard rock melodico. Bruno Ravel, Paul Laine e Rob Marcello sono affiancati da Van Romaine alla batteria e mettono in fila undici pezzi nella medesima traiettoria inaugurata con i primi due capitoli della loro discografia, meno festaiola e godereccia dei D2 ma non per questo meno contagiosa.

Emblematici, da questo punto di vista, il dinamismo di “Against The Grain” e l’urgenza di “Love Doesn’t Live Here Anymore” che ben rappresentano lo spirito della band.

Ciò non significa che non ci siano degli squarci di luce ed allegria, ad esempio nella solare “19 Summertime”, celebrazione di vita e passione, cui fanno però da contraltare episodi come l’emozionante ballad “Miracle” con il suo carico di nostalgia. Il gusto retro caratterizza questo pezzo così come il sapore pop di “The Night To Remember”, costruita su un tappeto di tastiere in perfetto 80s style.

Ne esce un album eccellente e carico di vitalità, perfetto per chi crede che questa musica possa ancora far sognare.

Etichetta: Frontiers Music

Anno: 2023

Tracklist: 01. Hey Life 02. Go Big Or Go Home 03. 19 Summertime 04. What Are We Waiting For 05. Miracle 06. Against The Grain 07. So Good 08. Love Doesn’t Live Here Anymore 09. Another Time, Another Place 10. The Night To Remember 11. Nothing’s Gonna Stop Me Now
Sito Web: https://www.facebook.com/TheDefiantsOfficial/

giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi