Shiva – Recensione: The Curse Of The Gift

Gli Shiva si confermano una delle realtà più interessanti fra le band a voce femminile: perché in una vera e propria band si è trasformato il duo originariamente formato dalla cantante Anette Johansson e Mats Edstrom. Per niente baciati dal successo commerciale, la loro musica combina passaggi molto suggestivi e d’atmosfera ad altri in cui la vena melodica caratteristica dei gruppi scandinavi permette loro di entrare in testa con chorus accattivanti. Non fa eccezione questo ‘The Curse Of Gift’, che alterna in maniera magistrale le consuete partiture AOR a virate epic metal. Il tutto in un contesto di concept album che trova il suo cuore nella mini-suite che dà il nome al lavoro.

L’album si apre con un riuscito duetto fra la Johansson e Magnus Forsberg. E’ proprio la Johansson, vera forza della natura, a garantire una marcia in più a tutto il lavoro, grazie alla sua potenza e alla sua aggressività, unite alla capacità di adattare la propria voce ad hoc nei momenti più "commerciali". Fra le perle presenti, spiccano la cadenzata, quasi doom, ‘The Curse Of The Gift’, e lo squisito pop a tinte dark di ‘The Chameleon’, per il sottoscritto uno dei pezzi dell’anno, con un chorus semplicemente irresistibile. Ancora, meravigliosa ‘So Silently’, la voce della Johansson che alterna rabbia e voli celestiali.

A parte i casi citati, ci si mantiene su standard decisamente alti, a conferma degli Shiva come una band da tenere d’occhio attentamente.

Voto recensore
7
Etichetta: NL/Frontiers

Anno: 2006

Tracklist: 01. When Tomorrow Never Comes
02. Prelude
03. Kill The Past
04. The Black Widow
05. Part I: The gift
06. Part II: The Curse Of The Gift
07. Part III: The Regret
08. The Chameleon
09. The Owner Of The Truth
10. I´m Not The One
11. So Silently
12. The Fly

giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi