Tankard: annunciano il nuovo batterista

Comunicato sampa:

Dopo più di 30 anni, i veterani del thrash metal tedesco TANKARD annunciano la separazione dal loro batterista Olaf Zissel.
 
Olaf, che è stato dietro la batteria della band di culto fin dal Two-Faced Tour (1994), ha chiesto di lasciare il gruppo. Il suo successore non è uno sconosciuto: Gerd Lücking, fonico della band da molti anni, che ha già sostituito Olaf alcune volte, assumerà ora il ruolo di batterista in modo permanente. Gerd ha già suonato la batteria con HOLY MOSES, BONDED, VERITAS MAXIMUS, COURAGEOUS e LIGHTMARE.
 
 Olaf commenta:
Dopo oltre 30 anni di doppio impegno (lavoro e band) la motivazione è venuta meno. Vorrei arrendermi al declino fisico e al desiderio di poter fare di nuovo cose normali. Qualcosa come produrre birra, prendere una licenza di pesca o comprare bombe a mano sul darknet…“.
 
Gerd aggiunge:
È stato poco più di 36(!) anni fa, nel 1988, quando a soli 13 anni ho fatto il tifo per i ragazzi dei Tankard al Volksbildungsheim di Francoforte e mi sono subito reso conto che un giorno anch’io avrei voluto essere in grado di bere tutta quella birra in soli 90 minuti. Oggi, dopo un duro lavoro per acquisire questo talento e un’incredibile esperienza di 25 anni al mixer (oltre ad essermi seduto dietro la batteria per qualche concerto), sto raccogliendo una grande eredità prendendo in mano lo sgabello della batteria nella speranza di poter riprodurre la gioia di suonare del mio predecessore e di stare al passo con l’imponente palco della band. Grazie ai miei amici e fratelli Tankard per la grande fiducia riposta in me”.
 
 
TANKARD sono:
Gerre – Voce
Frank – Basso
Andy – Chitarra
Gerd – Batteria

anna.minguzzi

view all posts

E' mancina e proviene da una famiglia a maggioranza di mancini. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi mai smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va al cinema, canta, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Adora i Dream Theater, anche se a volte ne parla male.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi