Tag: Folk Metal

Furor Gallico – Recensione: Future to Come

L’Italia si dimostra sempre più ricca di gruppi folk metal di buon livello e tra questi sicuramente spiccano i Furor Gallico, che sono giunti al quarto album e vantano una storia quasi ventennale. Personalmente, ho trovato “Songs From The Earth” assolutamente eccezionale, rispetto ai lavori precedenti, che si...

Kanseil – Recensione: Vaia

I Kanseil sono un gruppo veneto attivo dal 2010 e già con due album alle spalle che propongono un Folk Metal abbastanza classico, e fino qui – direte voi – non è che ci hai incuriosito molto. Invece la bellezza dei Kanseil sta nell’aver capito il cuore del...

Skalmold: “Abbiamo deciso di tornare indietro e infatti adesso non c’è più il covid”- Intervista a Þráinn Árni Baldvinsson e Björgvin Sigurðsson

Reduce della prima giornata di Wacken Open Air, mi avvio nell’area riservata agli artisti per intervistare Þráinn Árni Baldvinsson e Björgvin Sigurðsson degli Skálmöld, in un’intervista che a più riprese mi è sembrata essere una piacevole chiacchierata tra amici piuttosto che il solito formale colloquio tra musicisti e...

Suidakra – Recensione: Wolfbite

I SuidAkrA presentano il nuovo album sottolineando il fatto che dopo 25 anni e 13 dischi la band abbia voglia di reinventarsi, per proporre ai fan un mix tra il passato e una forte componente di innovazione. In effetti i nuovi SuidAkrA tirano fuori l’anima più arrabbiata, lasciando...

Null – Recensione: Hiraeth

Null è una one man band statunitense che pare aver scelto di dedicare anima e corpo a un folk metal moderno e di forte impatto. A due anni di distanza da un esordio piacevole ma ancora acerbo di “Blackened Folk Metal” (Lore of a Sleeping Forest, 2019), il...

Great Master – Recensione: Thy Harbour Inn

I Great Master chiudono il ciclo dedicato a tematiche strettamente piratesche, cominciato col precedente “Skull And Bones”, con questo nuovo capitolo intitolato “Thy Harbour Inn”. Un disco particolare, in quanto incentrato sulla ripresa di canti tradizionali, ballate marinaresche e brani acustici, e proprio per questo decisamente riuscito grazie...

Korpiklaani – Recensione: Jylhä

Dopo undici album e quasi vent’anni di carriera il clan della foresta, questo è il significato di Korpiklaani, spostano sempre più il focus dal metal al folk, aumentano l’area delle influenze musicali per creare un album che è un misto di sonorità che passano dal punk al rock...