Tag: Avantgarde Metal

Wooden Veins – Recensione: In Finitude

Nell’immaginario comune, la musica sudamericana viene comunamente associata a quelle sonorità latine che spopolano sulle piste da ballo o rimbombano nell’autoradio di qualche tamarro di periferia. In realtà, nel corso degli anni, i Paesi del Sud America hanno offerto agli aficionados di rock e metal valide e variegate...

Nachtmystium – Recensione: Resilient (Ep)

Nel linguaggio della psicologia, la resilienza è la capacità di trarre spunti positivi e di uscire rafforzati dopo aver subito eventi dannosi. Un titolo piuttosto significativo quello del nuovo Ep dei Nachtmystium, che ritornano a sorpresa dopo l’annunciato scioglimento all’indomani di “The World We Left Behind” (2014). Probabilmente...

Voices – Recensione: Frightened

Sarà pur vero che che nothing comes easy, ma qui si esagera. L’impressione iniziale, ascoltando il terzo disco dei Voices (a ben 4 anni dall’ultimo “London“, e dopo la recente reunion degli Akercocke), è di sgradevolezza ricercata con cura e conservata gelosamente, che, nello sfumare, lascia un retrogusto...

Thy Catafalque – Recensione: Geometria

Tagliato il significativo traguardo dei vent’anni di attività, gli ungheresi Thy Catafalque tornano sul mercato discografico con “Geometria”, ottavo album in studio per il progetto del multi-strumentista, compositore e cantante Tamás Kátai, che ancora una volta si è avvalso del contributo di un gruppo di ospiti a completamento...

Ewigkeit – Recensione: Cosmic Man

James “Mr. Fog” Fogarty, torna con “Cosmic Man”, settimo studio album del suo progetto personale Ewigkeit. Il multi strumentista, attualmente in forza anche nei ritrovati In The Woods… riprende le redini degli Ewigkeit quattro anni dopo “Back To Beyond” (platter che vide il nostro tornare momentaneamente nei territori...