The Hellacopters – Recensione: Strikes Like Lightning

Ritornano con un EP gli Hellacopters, da sempre iperattivi nelle loro molteplici uscite discografiche. Se è vero che la scena scan rock è una delle più fertili quanto a collezionismo e senso di appartenenza, è comunque innegabile che alla miriade di prodotti che escono sotto gli stessi nomi non corrisponde un livello qualitativo sempre accettabile. Non fanno eccezione neanche i padri del genere, e non fa eccezione questo ‘Strikes Like Lightning’, che comunque si fa ascoltare, grazie alla perizia compositiva di Nicky Royale e soci. I pezzi scivolano via rapidamente senza aggiungere nulla di nuovo a quanto già detto dagli Hellacopters, e questa volta non ci viene regalato un chorus da ricordare, qualcosa cui associare questo EP nella nostra testa. Si tratta di 6 brani di rock’n’roll piuttosto leggero senza infamia e senza lode. Leggermente al di sopra della media l’opener ‘Turn The Wrong Key’, con un buon uso delle voci, e l’agile conclusiva ‘On The Line’.

Quest’uscita probabilmente accontenterà i fan, sempre in attesa di nuovo materiale, ma di sicuro non avvicinerà al gruppo nuovo pubblico. D’altra parte, come già detto, è solo rock’n’roll: qui non si pretende di creare qualcosa di nuovo e sorprendente, ma di tenere in vita un tipo di musica che ha segnato la storia. L’appunto che si può fare, ricollegandosi a quanto detto all’inizio, è che forse, a meno di non avere qualcosa di sensazionale, sarebbe il caso di aspettare di avere altri 5-6 pezzi e far uscire direttamente un full-length. Ma questi sono gli Hellacopters. Prendere o lasciare.

Voto recensore
6
Etichetta: Universal

Anno: 2004

Tracklist: 01. Turn The Wrong Key
02. Take Me On
03. A View From Nowhere
04. Blinded By The Light
05. Fiends And Frankenstein
06. On The Line

giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi