Metallus.it

Stormwitch – Recensione: Bound To The Witch

Sono passati tre anni dal deludente “Seasons Of The Witch” e gli Stormwitch ci sorprendono con il nuovissimo “Bound To The Witch” che, seppur non sia in grado di ripetere completamente i fasti anni ’80, risulta essere l’episodio decisamente migliore della carriera dei tedeschi da moltissimi anni a questa parte.

La formazione del precedente scialbo album viene confermata ad eccezione della new entry chitarrista Tobi Kipp. Quel che funziona in questo CD è il piglio decisamente più diretto dei pezzi e forse una registrazione migliore che permette al riffing ed all’interpretazione al microfono del leader Andy Aldrian di colpire a dovere riportando in auge la definizione del gruppo come “The Masters of Black Romantic”.

Nonostante la permanenza nella band di gran parte dei musicisti sia breve ricordiamo che insieme al veterano Andy troviamo il bassista Jürgen Wannenwetsch presente agli albori della storia del gruppo e che non riuscì a rientrare nella line-up del formidabile debutto “Walpurgis Night” (1984).

Il recentissimo “Bound To The Witch” parte al massimo del potenziale dei nostri con l’arrembante “Songs Of Steel” con cui i nostri sembra riconquistino la giusta dose di potenza ed aggressività ma da sempre i tedeschi sono noti anche per quel tocco melodico-decadente che li contraddistingue e nel nostro coso non possiamo non citare l’ottima title-track o ancora “The Choir Of The Dead” con il suo ritornello avvincente o ancora la ballad conclusiva “Nightingale” in cui domina una cantilenante chitarra acustica.

La potenza del metal classico esplode invece in pezzi come “Odin’s Ravens” o ancora l’epica “King George” o il cadenzatone “Ancient Times”. Come sempre i testi rientrano in una serie di tematiche classiche per la band che spaziano dall’horror classico (“The Ghost Of Mansfield Park”)/magico (“Bound To The Witch”) old school alla mitologia (“Odin’s Ravens”) ed al fantasy.

Nel complesso possiamo affermare che gli Stormwitch ritornano con un album che saprà affascinare nuovi fan e render felici gli ascoltatori più datati.

Exit mobile version