Machine Head: Robb Flynn cacciato dalla Cappella Sistina

Piccolo imprevisto per il leader dei Machine Head, Robb Flynn, mentre si trovava a Roma. Queste le parole che il frontman del gruppo ha diffuso sul suo blog:

“Devo dire che la band e tutto lo staff ha trascorso una splendida giornata a Roma, in Italia, durante una pausa del nostro tour. Abbiamo avuto modo di visitare il Colosseo, Piazza del Vaticano, oltre a molti altri siti archeologici della città. Abbiamo visto, dunque, questi splendidi siti oltre alle statue di Giulio Cesare. Io e il mio amico abbiamo anche visitato la Cappella Sistina…dove mi hanno gentilmente chiesto di uscire. Sono stato cacciato!”.

Flynn è rimasto colpito dalla bellezza dei marmi e degli arazzi presenti, e dall’impressionante lavoro che Michelangelo ha compiuto nella cappella.

“Io non sono un uomo religioso, ma lo sforzo compiuto da Michelangelo e da altri artisti era semplicemente sbalorditivo! Tutta la fatica impiegata, le dimensioni fuori scala necessarie per ottenere questo dipinto sotto il soffitto, tutto in nome di qualcosa, per non parlare di un uomo misterioso lì in cielo, è tutto così dannatamente impressionante“.

Eppure, mentre Flynn immortalava la bellezza che gli si parava davanti con la sua videocamera, qualcuno lo seguiva: la sicurezza che vigila all’interno della struttura. Dopo un primo avvertimento, le guardie hanno intimato il cantante di spegnere la videocamera.

Dovevo documentare ciò che vedevo. Le guardie non mi avevano fermato mentre filmato ovunque mentre entrato nella Cappella Sistina; stavo documentando il tutto per mostrare anche a voi ciò che stavo facendo. Nel bel mezzo, una guardia mi ha intimato a mettere via la telecamera. Chiaramente ero in disaccordo con lui. Non so cosa mi succeda, ma quando qualcuno mi dice di non fare qualcosa che voglio fare, mi parte il bottone del vaffanculo. Quindi mi sono rimesso la telecamera al collo e ho continuato a filmare.

“Mentre mi dicevano questo vedevo altre persone filmare e fare foto con i propri iPhone, e pensavo ‘hey perchè a loro no?…perchè loro non vengono cacciati?’. Forse perchè avevo già ricevuto un duro avvertimento…o forse perchè avevo una felpa annodata in vita dei Duff’s Brooklyn con in evidenza il numero 666. Sono riuscito a scattare 3 foto col cellulare mentre la sicurezza ci scortava verso l’uscita”.

robb flynn cappella sistina

Pasquale Gennarelli

view all posts

"L'arte per amore dell'arte". La passione che brucia dentro il suo cuore ad animare la vita di questo fumetallaro. Come un moderno Ulisse è curioso e temerario, si muove tra le varie forme di comunicazione e non sfugge al confronto. Scrive di Metal, di Fumetto, di Arte, Cinema e Videogame. Ah, è inutile che la cerchiate, la Kryptonite non ha alcun effetto su di lui.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi