Nidingr – Recensione: Sorrow Infinite And Darkness

I norvegesi Nidingr presentano il debut album ‘Sorrow Infinite And Darkness’, un platter di old-school black metal tipicamente nordeuropeo che vive di riff fulminei e “zanzarosi”, blast-beats e vocals lacerate.

La band non rinuncia a ricorrere ad alcune variazioni sul tema inserendo delle parti più melodiche e ragionate, ottenute ora con delle tastiere ora con dei rallentamenti sinistri ed atmosferici. Va detto che alcuni brani si lasciano apprezzare, tra questi l’opener ‘Child Of Silence’, brano black vecchio stile interrotto da un arioso pianoforte oppure l’epica e cadenzata ‘Righteousness In Beauty’, che mostra un approccio più teso verso la ricerca melodica.

In linea di massima però, i brani si somigliano un po’ tutti a alla lunga prevarrà una sensazione di noia. A questo aggiungiamo che la voce del singer Cpt. Estrella Grasa (complimenti per la scelta del nick!), che si esprime attraverso un growl che si adatterebbe di più ad un contesto death, è abbastanza monocorde e poco interpretativa.

‘Sorrow Infinite And Darkness’ non è proprio da buttare perché ai Nidingr riesce comunque bene l’impresa di recuperare quelle atmosfere epiche e terrorizzanti tipiche del black primitivo, ma si avverte una mancanza di varietà che per il momento impedisce ai tre norvegesi di uscire dall’anonimato.

Voto recensore
5
Etichetta: Karisma / Masterpiece

Anno: 2005

Tracklist:

01.Child Of Silence
02.Sorrow Infinite And Darkness
03.The Watchtowers Of The Universe
04.MAKASHANAH
05.Righteousness In Beauty
06.Death & Victory
07.Come Away
08.Mystery Of Toil
09.Rejoice
10.Upon The Unprofitable Throne


andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi