Burzum – Recensione: Sôl Austan, Mâni Vestan

Oramai, un nuovo album dei Burzum non fa quasi più notizia, complice l’incontrollabile produttività di Varg Vikernes. Tornato in libertà, il Conte ha prodotto un disco all’anno, guardando con orgoglio a quel black metal che aveva dovuto per forza di cose tralasciare durante il periodo di incarcerazione (con gli oggettivamente molto validi “Belus” e Fallen”) e in seguito dirigendosi verso i lidi del pagan/folk con il controverso “Umskiptar”, uscito lo scorso anno. “Sôl Austan, Mâni Vestan” è invece un disco completamente strumentale di musica ambient ed elettronica, esattamente sulla falsariga dei precedenti ““Dauði Baldrs” e “Hliðskjálf”, composti nelle patrie galere sul finire degli anni’90. Il nuovo studio album raccoglie inoltre la colonna sonora del film documentario “ForeBears”, girato da Marie Cachet (moglie di Vikernes) e basato su di un concept, come prevedibile, di natura pagana e folcloristica. Negli utlimi tempi Varg Vikernes ha fatto parlare di sé più per le dichiarazioni difficilmente condivisibili apparse sul suo sito web e per essere stato ritratto in photosessions battagliere che hanno generato più ilarità che altro; d’altronde, non è mai stata volontà dei Burzum quella di piacere alle masse, né di ricevere aprovazioni all’indomani dell’uscita di un disco. Un punto di vista rispettabile, anche perché “Sôl Austan, Mâni Vestan” è un platter che si regge in piedi grazie soltanto al personaggio che sta dietro ad esso e a quell’alone di leggenda che si porta dietro. Ad essere onesti siamo di fronte a un album quasi privo di senso, che forse potrebbe trovare una giustificazione solo se ascoltato come accompagnamento delle immagini del film. Musica ipnotica, ritualistica, chitarre arpeggiate e movimenti di synth perpetuati ad libitum in canzoni del tutto prive di variazioni ritmiche. Non è di certo l’elaborazione formale che ci aspettiamo dai Burzum, ma l’album appare poco incisivo e genera presto un senso di noia, a causa delle sue strutture elementari e prive di slancio. E’ solo in occasione delle due tracce che danno il titolo al disco che il nostro riesce per lo meno a far vibrare le corde dell’emozione, attraverso soluzioni sonore di una semplicità disarmante ma che per lo meno risvegliano sensazioni epiche ed ancestrali. Il resto non trova una reale direzione e le note si perpetuano in un continuum fatto di ripetizioni. Agli indefessi sostenitori delle opere dei Burzum tutto ciò potrà essere sufficiente, dal nostro punto di vista facciamo notare che un lavoro simile, se poteva essere considerato di sperimentazione negli anni’90, oggi appare quanto meno incerto e anacronistico.

Voto recensore
5
Etichetta: Byelobog Productions / Audioglobe

Anno: 2013

Tracklist:

01.  Sôl Austan

02.  Rûnar Munt þû Finna

03.  Sôlarrâs

04.  Haugaeldr

05.  Feðrahellir

06.  Sôlarguði

07.  Ganga At Sôlu

08.  Hîð

09.  Heljarmyrkr

10.  Mâni Vestan

11.  Sôlbjörg


Sito Web: www.burzum.org

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

4 Comments Unisciti alla conversazione →


  1. Tony

    Una robetta fetida e inutile. Evidentemente il Conte ha bisogno di soldi per finanziare il movimento di qualche Brevik di turno.

    Reply
  2. Alex

    sti cavoli, fallen e Umkimpstar (o come si chiama), due signori dischi. già per questo merita l’ascolto.

    Reply
  3. Valerio

    Come si possa definire “incontrollabile produttività” fare un disco all’anno (o anche meno, una delle uscite post-carcere è una semplice riregistrazione di alcuni classici), soprattutto quando non si suona dal vivo, non bisogna accordarsi con altre persone per comporre/provare/registrare e non si ha bisogno di fare altri lavori per vivere è abbastanza un mistero…

    Poi il giudizio soggettivo sul disco è sacro, per carità (a me è piaciuto, ad esempio, ma capisco benissimo se qualcuno non abbia gradito per nulla), ma già iniziare una recensione in questo modo ti fa pensare che ci sia già qualche pregiudizio di partenza che non può che inficiare sulla valutazione dell’opera.

    Reply
    • Andrea Sacchi

      Ciao Valerio, ti assicuro che la “produttività” di Varg Vikernes non è il punto di partenza della mia valutazione, tanto meno lo è il mio (personale ed opinabile) non condividere le sue posizioni estreme su recenti fatti di cronaca. Sono un grande fan di “Filosofem” e ho pure apprezzato i due dischi ambient, credimi. Questo album però non mi convince e mi sembra di aver spiegato il motivo: lo trovo statico, poco coinvolgente, freddo. Se nel tuo caso ha procurato delle emozioni positive, buon per te e per il Conte. Ciao!

      Reply (in reply to Valerio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi