Simone Simons: “Molti non capiscono che il download illegale è un furto”

Simone Simons degli Epica è tornata di recente su un argomento che da sempre coinvolge in varia misura musicisti e fruitori di musica, vale a dire il download illegale di file musicali. La bella cantante non concede attenuanti a chi utilizza questo sistema e rilascia una pesante dichiarazione a riguardo:

Internet ha portato molti miglioramenti ma, per quanto riguarda la scena musicale, in un certo senso ha anche peggiorato le cose. D’altro canto, non mi piace lamentarmi troppo; voglio solo guardare avanti. Provo a usare internet per fare il meglio, perchè al giorno d’oggi puoi promuovere la tua band in un modo più economico rispetto a quando dovevi mettere annunci pubblicitari dappertutto. Ecco quindi i pro e i contro di internet. Devo dire che mi piace la comodità di iTunes, ma questo è download legale, io pago per la musica. Quando parliamo di download illegale, molte persone non lo vedono come un furto, perchè lo fanno dalla tranquillità di casa loro e non si rendono conto di quanto tempo ci voglia per scrivere la musica che si può scaricare in due secondi. Penso che dipenda dall’epoca in cui viviamo, in cui non vediamo che cosa c’è dietro la creazione e la scrittura, la registrazione e la pubblicazione di un CD; il suo valore è diminuito, o forse è diminuito il rispetto…non lo so. E’ un peccato. Il vinile, il prodotto fisico, sta tornando, ma non per le giovani generazioni; i più giovani vogliono tutto su digitale. Ma penso che sia soltanto il modo in cui si evolvono le cose, ed è lo stesso per i video.

Epica_Live Club_Trezzo Sull'Adda_041115_Mairo Cinquetti-21

anna.minguzzi

view all posts

E' mancina e proviene da una famiglia a maggioranza di mancini. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi mai smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va al cinema, canta, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Adora i Dream Theater, anche se a volte ne parla male.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi