United States Of Mind – Recensione: Silver Step Child

Nati da una costola dei class-metallici Balance OF Power, gli United States Of Mind debuttano con un album che dimostra come l’hard melodico possa rimanere al passo con i tempi. Il power-trio (capitanato dal bassista cantante Tony Ritchie) propone musica saldamente radicata nella tradizone dell’a.o.r., ma consapevole di nascere in un contesto sonoro nel quale laggressività e durezza ritmica hanno assunto connotati diversi. Partendo da queste considerazioni, tutte le tracce sono basate sul contrasto fra ‘moderno’ (il clangore teso e cromato delle chitarre, i nervosi brividi della doppia cassa) e ‘classico’ (i catartici refrain a più voci), con una produzione competente e attuale a fungere da collante. A ben pensarci, anche se con esiti artistici meno modernisti (e qualità superiore), un capolavoro come ‘Mood Swings’ degli Harem Scarem è nato da presupposti affini. In pratica tutti i brani esplodono in cori dinamici che sublimano la tensione delle strofe, con la martellante ‘Beneath The Low’, il bolide ‘Silver Step Child’, la nevrotico-pomposa (?!?!) ‘Believe It Or Not’ e ‘The Time Of Our Lives’ (un rollercoaster che unisce tastiere alla ‘Rage For Order’, assalto chitarristico e backing-vocals stratosferici) a contendersi lo scettro di miglior brano. La capacità di sintetizzare le influenze più disparate in chiave comunque melodica è confermata dalla semi-ballad ‘The Weird And The Wonderful’ e dai saliscendi elettroacustici di ‘The Other Side Of Paradise’, durante le quali i soliti, grandiosi crescendo corali si fondono armonicamente con la malinconia grunge. L’improvvisa apparizione degli United States Of Mind dovrebbe rallegrare chiunque abbia a cuore le sorti di un genere, il metallo melodico, ormai considerato dai più un mero retaggio del passato.

Voto recensore
7
Etichetta: Massacre / Self

Anno: 2000

Tracklist: Beneath The Low
Silver Step Child
Believe It Or Not
The Time Of Our Lives
It's All Over Now
Kiss The Sun
The Weird Ant The Wonderful
Terrorphobiac
The Other Side Of Paradise That Paranoia Thing

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi