Aeternus – Recensione: Shadows Of Old

Shadows Of Old’ è una sorta di Frankenstein del black metal: collage di parti assemblate con grande competenza e rigore, ma difficili da far funzionare correttamente. Non c’è assolutamente nulla che non sia già stato fatto, rifatto, fatto un’altra volta e probabilmente pure remixato, in questo disco: i pezzi sono davvero lunghi e raramente mostrano un minimo di quello che banalmente chiamiamo “filo conduttore”. Solo la buona qualità della registrazione e alcune parti ritmiche vagamente tribali (‘Descent To The Underworld’) si staccano dal piattume della classica uscita black-metal, ma almeno questi pregi vanno riconosciuti agli Aeternus, che sono certamente meglio di molti altri gruppi nel pagare il proprio debito a Immortal, Emperor e Bolt Thrower (dosi a scelta). Certamente un discreto “prodotto” ma altrettanto certamente non un buon ” disco”, ‘Shadows Of Old’ va consigliato solo ai fan più affezionati al black-death nordico

Voto recensore
5
Etichetta: Hammerheart / Audioglobe

Anno: 2000

Tracklist:

Tracklist: Under The Blackened Sky / Descent To The Underworld / Dark Rage / Resurrection / The Summoning Of Shadows / Death’s Golden Truth Revelaed / Cuchulain / Prophecy Of The Elder Reign / The Sunset’s Glory


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi