Lunar Aurora – Recensione: Seelenfeuer

I Lunar Aurora sono una black metal band come ce ne sono parecchie. Il loro modo di fare musica è quello della vecchia scuola dei Darkthrone e dei Satyricon, ossia un black metal grezzissimo e dal sound completamente scarnificato.

E questo basterebbe appieno ad inquadrarli. Nonostante 2 demo e 7 album alle spalle (quindi, una carriera più che onorata) la band non riesce a scostarsi dai tradizionali canoni che contraddistinguono il genere che con cotanta convinzione esegue.

Anche se bisogna dare atto al compositore di aver cercato una qualche soluzione stilistica originale a livello di struttura dei pezzi, ad esempio facendo variare il tempo per ottenere una sequenza non lineare, il risultato è deludente: la ritmica appare all’orecchio completamente sconnessa e, anche grazie alla qualità infima di registrazione tanto cara agli aficionados del genere, il più delle volte le canzoni sembrano essere senza capo né coda. Solo un’immensa tempesta di sabbia mal sintonizzata con tastiere qui e là e il piatto della batteria che tintinna sopra tutti. Naturalmente ascoltando più e più volte si può distinguere qualcosa e siamo certi che i true evil metallers gradiranno parecchio, ma la qualità musicale è una virtù un po’ più oggettiva…

Voto recensore
6
Etichetta: Cold Dimensions/Masterpiece

Anno: 2006

Tracklist: 01.Seelenfeuer
02.Mein Schattenbruder
03.Augen aus Nichts
04.Schwarzer Seelenspiegel
05.Kerker aus Zeit
06.Der Geist des Grausamen
07.Auf Einer Wanderung

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi