Metallus.it

Sawthis – Recensione: Babhell

Si fanno rivedere a quattro anni di distanza dal precedente full-length “Youniverse” gli abruzzesi Sawthis, realtà ormai consolidata del metal moderno del nostro paese. Il loro quarto album “Babhell” conferma quanto di buono fatto in passato dal quintetto, riproponendo la formula vincente adottata con efficacia dalla band: largo spazio dunque a pezzi carichi di groove che si aprono in ariosi break melodici.

Particolarmente azzeccato e intelligente il titolo del disco e il concept ad esso collegato: “Babhell” fa infatti riferimento all’incomprensione che regna nella Babele della nostra vita quotidiana al giorno d’oggi, in cui tutti vogliono parlare, ma nessuno ascolta. Per rendere in musica questo tema, ecco allora che i Sawthis fanno ricorso a un riffing serrato e potente, sempre mitigato però da ritornelli catchy e immediatamente assimilabili. Notiamo a questo proposito come i refrain dei nostri siano coinvolgenti come forse mai lo sono stati in passato, obiettivo in cui una produzione davvero potente e pulita ha aiutato non poco.

I pezzi che vanno a comporre il platter aderiscono essenzialmente ai canoni appena descritti, risultando tutti validi e di buona qualità. Possiamo citare come più significativi tra di essi la mitragliante opener “The Burning Place”, la cupa “Through Hell” o le estreme “The String Is For Your Neck” e “The End”. Brani in cui trionfa in maniera netta la melodia, altrettanto efficaci, sono invece “Start A New Game”, “Waiting For Love” e “Never Alone”. Tutte le canzoni menzionate costituiscono in ogni caso begli esempi di un metal fresco e moderno.

I Sawthis hanno dunque ben speso i quattro anni di distanza tra un album e l’altro, preparando con calma un disco riuscito e tagliando in ottima forma il traguardo del quarto platter in carriera. “Babhell” è un lavoro maturo che non mostra segni di stanchezza e che lascia intravedere ulteriori margini di miglioramento per un gruppo che può senza dubbio regalarci nuove soddisfazioni.

Exit mobile version