AAVV – Recensione: Rock Of Ages – OST

Da poco atterrato in Europa dopo essersi guadagnato i galloni a Broadway, il musical “Rock Of Ages” vive ora una celebrazione sul grande schermo, protagonista indiscusso – almeno nella campagna promozionale che ha preceduto l’uscita del film – un Tom Cruise che cerca di bissare l’istrionismo già sfoggiato in “Magnolia” di Paul Thomas Anderson.
Difficile scindere il glamour attorno alla release da quello che è un mosaico di pezzi di quell’epoca d’oro in cui hair metal e AOR dominavano le classifiche di mezzo mondo, Stati Uniti su tutti. Basta scorrere i titoli per rendersi conto che siamo di fronte ad una sorta di greatest hits dell’era ed allora la prospettiva dalla quale è interessante affrontare la recensione della colonna sonora è quella che valuta i nomi coinvolti. Rispetto alla colonna sonora di Broadway, mancano alcuni pezzi più ritmati (“Too Much Time On My Hands”, “Cum On Feel The Noize”), alcune ballad forse meno note ma decisamente efficaci (“The Search Is Over”, “High Enough”) e la fondamentale “Oh Sherrie” (da cui il nome della protagonista), il cui motivo è soltanto accennato nel film. Scelte che si spiegano in parte con la timbrica degli interpreti, ma soprattutto – a occhio e croce – con il tentativo di rendere il prodotto finale quanto più fruibile possibile. E proprio qui sta il punto: “Rock Of Ages” funziona come divertissement, al tempo stesso sminuendo un filone musicale che invece sta vivendo una seconda giovinezza, a testimonianza del fatto che il rock non morirà mai. Perché questo è rock, e se la produzione laccata finisce per  nasconderlo la sostanza non cambia.
Ma andiamo al film e alle performance dei singoli interpreti. Se è vero che la curiosità era tutta per Tom Cruise, alla distanza la sfida la vincono senz’altro Russell Brand (straripante in “Nothin’ But a Good Time”) e il suo partner Alec Baldwin, con il quale duetta in maniera irresistibile in “Can’t Fight This Feeling”. Anche Catherine Zeta-Jones è tra le note più liete, in particolare nella scatenata “Hit Me With Your Best Shot”. Adeguati ma nulla più i protagonisti Diego Boneta e Julianne Hough, a proprio agio soprattutto nelle parti più romantiche, come nel medley “More Than Words” / “Heaven”. E Tom Cruise? Se da un punto di vista attoriale dimostra grande versatilità e capacità di mettersi in discussione, da quello canoro non si rivela particolarmente brillante, pur non sfigurando. Ad impreziosire il cast in questo senso ci pensa Mary J. Blige, anche se il suo è un ruolo marginale, con lo spazio che ne consegue: rimane il fatto che “Shadows Of The Night” è uno dei pezzi più riusciti dell’intera colonna sonora.
La versione cinematografica è edulcorata rispetto al musical, che già era più interessante nella sua rappresentazione di un’epoca che nel graffiare con le metafore di cui era costellato, talvolta in maniera pacchiana. Eppure va detto che vedere il gruppo di donne capitanate da Catherine Zeta Jones protestare contro l’immoralità del rock servendosi delle parole di “We’re Not Gonna Take It” è particolarmente divertente nel paradosso: chissà qual è stata la reazione a questa scena di Dee Snider, frontman dei Twisted Sister, a suo tempo principale bersaglio del famigerato comitato guidato da Tipper Gore (Mrs. Al Gore, tanto per capirci) nel processo da cui sarebbe derivato l’obbligo dell’adesivo “Parental Advisory: Explicit Lyrics”… E’ proprio vero che i tempi sono cambiati.

Voto recensore
6
Etichetta: Sony

Anno: 2012

Tracklist:

01. Paradise City – Tom Cruise
02. Sister Christian / Just Like Paradise / Nothin’ But a Good Time – Julianne Hough, Diego Boneta, Russell Brand,  Alec Baldwin
03. Juke Box Hero / I Love Rock ‘n’ Roll – Diego Boneta, Alec Baldwin, Russell Brand, Julianne Hough
04. Hit Me With Your Best Shot – Catherine Zeta-Jones
05. Waiting For a Girl Like You – Diego Boneta, Julianne Hough
06. More Than Words / Heaven – Julianne Hough, Diego Boneta
07. Wanted Dead or Alive – Tom Cruise, Julianne Hough
08. I Want to Know What Love Is – Tom Cruise, Malin Akerman
09. I Wanna Rock – Diego Boneta
10. Pour Some Sugar On Me – Tom Cruise
11. Harden My Heart – Julianne Hough, Mary J. Blige
12. Shadows of the Night / Harden My Heart – Mary J. Blige, Julianne Hough
13. Here I Go Again – Diego Boneta, Paul Giamatti, Julianne Hough, Mary J. Blige, Tom Cruise
14. Can’t Fight This Feeling – Russell Brand, Alec Baldwin
15. Any Way You Want It – Mary J. Blige, Constantine Maroulis, Julianne Hough
16. Undercover Love – Diego Boneta
17. Every Rose Has Its Thorn – Julianne Hough, Diego Boneta, Tom Cruise, Mary J. Blige
18. Rock You Like a Hurricane – Julianne Hough, Tom Cruise
19. We Built This City / We’re Not Gonna Take It – Russell Brand, Catherine Zeta-Jones
20. Don’t Stop Believin’ – Julianne Hough, Diego Boneta, Tom Cruise, Alec Baldwin, Russell Brand, Mary J. Blige


giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi