Norma Jean – Recensione: Redeemer

Originari di Atlanta, i Norma Jean propongono un noise-core tecnico e abbastanza innovativo, che sa distinguersi per la sua originalità all’interno del panorama internazionale sempre più ricco di bands cloni degli acts più rappresentativi del momento. Il terzo album di studio ‘Redeemer’, pubblicato sotto la Century Media, pone in evidenza le architetture confusionarie ed intricate tessute dalle chitarre di Chris Day e Scottie Henry, che fanno perdere a ciascuna traccia la struttura tipica della canzone metalcore. Riff si susseguono a riff, aggiungendo tocchi di oscurità attraverso effetti inusuali (in particolare la terza splendida ‘A Small Spark Vs. A Great Forest’) e un accompagnamento parecchio elaborato da parte del batterista Daniel Davison. La voce a tratti filtrata assume il carattere sporco del genere, senza però risultare eccessivamente coinvolgente e valida: di certo l’estensione vocale di Cory Brandan è notevole, come testimoniano alcuni lamenti growl o altre sezioni abbastanza complesse da interpretare, ma il tono non è ancora completamente maturo.

E se alcuni brani, come ‘A Temperamental Widower’ sembrano uscire dalla tradizione prettamente hardcore, risultando banali e ripetitivi, altri come ‘The End Of All Things Will Be Televised’ sono convincenti nel loro feeling noise-core, assai difficile da concepire e da realizzare. Le linee di basso si fanno spesso marcate e si legano con efficacia alla sezione ritmica della batteria, ma ai Norma Jean manca comunque l’approccio più trascinante fondamentale per qualsiasi band metalcore.

Pertanto per il prossimo album la formazione americana dovrà puntare maggiormente verso la composizione di pezzi diretti e dotati di un buon impatto, incalzanti e furiosi, mantenendo comunque la matrice noise che si è ben distinta in ‘Redeemer’. In definitiva, ne si consiglia l’ascolto a chi cerca ulteriori evoluzioni verso sonorità dalle strutture non ben definite ma cariche di effetti claustrofobici e caotici.

Voto recensore
6
Etichetta: Century Media

Anno: 2006

Tracklist: 01. A grand scene for a color film
02. Blueprints for future homes
03. A small spark vs. a great forest
04. A temperamental widower
05. The end of all things will be televised
06. Songs sound much sadder
07. Like swimming circles
08. Amnesty please
09. Cemetary like a stage
10. No passenger, no parasite

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Accedi