Glissando – Recensione: With Our Arms Wide Open We March Towards The Burning Sea

Elly May Irving (voce) e Richard Knox (composizioni) sono il cuore pulsante di Glissando, che con questo primo album danno alla luce un’emotiva espressione di limpida ma disontinua ebbrezza. Sin dal primo assaggio, con “With A Kiss And A Tear”, si percepisce lo spessore della voce di Elly May, lirica e inebriante, e se ne coglie la rilevanza per l’intero lavoro. La successiva “Flood”, che pecca solo di una lunghezza fiaccante, si regge quasi esclusivamente su pochi accordi di piano e su un violino ispirato, e delega alle voci la struttura del brano, scivolando dall’ambient più melodico, che raggiunge vette molto alte nei cori (con le voci di Knox e di Tom Morris – da Her Name Is Calla), per poi perdersi disorientata nelle successive sperimentazioni, ree, oltretutto, dell’eccessiva durata. Proseguendo, dopo le brevi e piacevoli “White Silence And The Fragile Reality” e “Goobye Red Rose! This Was Not for You”, ecco Glissando ricadere nella tentazione e proporre un altro brano da un quarto d’ora: “Like Everything You See”, con un’introduzione infinita e, duole ammetterlo, noiosa a tal punto da far perdere interesse in quello che si ascolta. A tal punto da far temere che la successiva “Always The Storm”, anch’essa oltre i dieci minuti di lunghezza, possa risultare altrettanto tediosa. Ma “Always…” è di tutt’altra fattura e con le sue sonorità post-rock, arricchite dalle parole di D. H. Lawrence, riesce a riscuotere l’attenzione persa in precedenza, grazie anche alla sinuosa voce di Elly May che qui gioca a rincorrersi con archi appena accennati, tra brevi e asciutti accordi di piano. Per concludere, “Grekken” si tinge di oscure e malinconiche sonorità, con la voce di Dave Martins di iLiKETRAiNS che ripete ossessivamente “you made me kill myself”, mentre “Our Flags Wave And Our Arms Are Around Another’s Shoulders” chiude stancamente e senza estro un full-length che lascia perplessi, per la capacità di raggiungere picchi elevati di liricità e splendore, per poi affossarsi su uno sperimentato soporifero e ridondante.

Voto recensore
6
Etichetta: Gizeh Records / Goodfellas

Anno: 2009

Tracklist: 01. We Are Depleting
02. With A Kiss And A Tear
03. Floods
04. White Silence And The Fragile Reality
05. Goodbye Red Rose! This Was Not For You
06. Like Everything You See
07. Always The Storm
08. Grekken
09. Our Flags Wave And Our Arms Are Around Another’s Shoulders

Sito Web: http://www.myspace/glissando

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login