Lethe – Recensione: When Dreams Become Nightmares

“When Dreams Become Nightmares” è l’opera prima dei Lethe, band nata dal sodalizio artistico tra Tor-Helge Skei (aka Cernunnos) dei mai troppo lodati Manes e Anna Murphy, voce e hurdy-gurdy dei celebri Eluveitie. L’album vanta inoltre una nutrita schiera di ospiti che si sono dedicati agli strumenti oppure alla voce affiancandosi a quella di Anna: citiamo tra gli altri Niklas Kvarforth dagli Shining, Rune Folgerø dagli eclettici Atrox, oltre ad alcuni membri degli stessi Manes.

Ed è proprio dai Manes che arriva l’essenza sonora di questa lavoro, che dunque si mostra come un potente ibrido che forse non osa tanto come la realtà polimorfa appena citata, ma di sicuro vanta un corpo sfaccettato e difficilmente inquadrabile in un preciso bacino musicale. “When Dreams Become Nightmares” alterna con grande disinvoltura metal, trip-hop, elettronica e una generica sperimentazione che fa proprie numerose sfaccettature musicali. I brani si susseguono poggiando su di una forma canzone nella maggior parte dei casi armonica, soggetta alla complessa ibridazione ma altrettanto intrigante. Sembra che l’obiettivo principale sia quello di far apprezzare all’ascoltatore delle melodie non usuali ma gradevoli ed orecchiabili, sebbene non dovrete dare nulla per scontato. L’album non è infatti così immediato come parrebbe, muovendosi tra sensazioni blues ipnotiche e fuorvianti come nel caso dell’ottima e delicata “You” e una complessa lezione strumentale memore dei Gathering del periodo mediano (“In Motion”).

In questo quadro l’assoluta protagonista è la voce particolare e versatile della bravissima Anna (possiamo dire che negli Eluveitie è un poco sprecata?), ispirata ora al timbro profondo di Siouxsie Sioux, ora a quello duttile e cangiante di Nina Hagen, ma dotata di talento e personalità. “When Dreams Become Nighmares” piace e convince, con le sue note caleidoscopiche, piene di luce e melodia.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Debemur Morti / Audioglobe

Anno: 2014

Tracklist:

01.  In Motion
02.  Haunted
03.  Come Look At The Darkness With Me
04.  Ad Librum
05.  Love Pass Filter
06.  Oblivion
07.  You
08.  Transparent
09.  No Reason
10.  When Dreams Become Nightmares


Sito Web: https://www.facebook.com/LetheProject

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login