Manes – Recensione: Vilosophe

Tempo fa, in occasione del più recente disco di And Oceans avevamo parlato di new wave of black metal. La compagnia dei Giuda della Sacra Fiamma che iniziava a prendere corpo e forma, da Ulver ad altre band dedite ad un cambiamento di pelle che ha fatto strocere il naso a molti ed ha segnato un milestone importantissimo per un genere musicale che sembrava giunto al capolinea. Da quella volta, altre congreghe hanno abbracciato la frontiera della contamianzione: in tempi più recenti Ephel Duath e in altri ambiti Manes. Autori di un debutto in pieno stile black nel 1998, oggi si presentano intrisi di trip hop, jungle e ammennicoli vari per portarci ‘Vilosophe’ ed i suoi otto capitoli. Menzione particolare per ‘Diving With Your Hands Bound’, canzone lanciata contro ogni sorta di pregiudizio concettuale e stilistico, dieci minuti di percorso verso un climax ed il rientro alla base, prima dei contrasti fra piano e furia elettrica di ‘Terminus A Quo / Terminus Ad Quem’ e del delirio elettronico di ‘Death Of The Genuine’ o del sax che conferisce l’eleganza più interessante a ‘Ende’. Un esperimento a sé stante è la conclusiva ‘Confluence’, sorta di spoken word che diventa una rivisitazione musicale del romanzo di Blatty, ‘L’Esorcista’, rigorosamente in norvegese diritto e al contrario, pulito e filtrato. Più una bonus track che un congedo vero e proprio. Una prospettiva che prende forma e si allarga, quella di ‘Vilosophe’, congiungendo spunti estremi per donare loro un’univocità di fondo che si sta facendo largo proprio fra quegli artìsti che hanno preso prima le mosse ed ora le distanze da un tunnel a senso unico dove l’immobilismo stava iniziando a diventare imbarazzante. Hail the new black flame, allora, anche con dischi come questo, contro le barriere di qualsiasi pregiudizio.

Voto recensore
9
Etichetta: Code 666

Anno: 2003

Tracklist: Nodamnbrakes / Diving With Your Hands Bound / White Devil Black Shroud / Terminus A Quo – Terminus Ad Quem / Death Of The Genuine / Ende / The Hardest Of Comedowns / Confluence

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login