Rick Springfield – Recensione: Venus In Overdrive

Finalmente disponibile in Italia “Venus In Overdrive”, ultima fatica discografica di Rick Springfield. Nome di grande richiamo negli Stati Uniti e nella nativa Australia, il Rick Springfield musicista ha l’unico difetto – se tal si può definire – di essere stato preso meno “sul serio” a causa della sua parallela carriera da attore, che lo ha visto partecipare a svariate serie TV, prima e dopo aver sfondato. Lo stesso fatto che ci si senta in qualche modo in dovere di fare questo cappello – oltre alla constatazione che “Venus In Overdrive” arriva in Italia due anni dopo l’uscita – è indicativo di come Springfield debba essere ancora sdoganato e profondamente conosciuto dal nostro pubblico.

La capacità tipicamente americana di fondere con efficacia pop e rock è alla base delle sonorità che continuano ad essere proposte con grandissima classe ed un pizzico di ironia, evidente fin dall’opener “What’s Victoria’s Secret”, che gioca con una nota trasmissione TV americana nonché marca di lingerie. Da cantautore a tutto tondo, Rick Springfield si trova perfettamente a proprio agio anche nell’intimismo di “Oblivious”. Tra i pezzi più frizzanti, “Time Stand Still” spicca in una scaletta comunque sempre godibilissima e in cui non c’è spazio per la noia.

Tanto leggero quanto fresco – cosa sorprendente se si pensa che si tratta del quattordicesimo lavoro in studio, “Venus In Overdrive” è un piccolo grande esempio di semplicità che farebbe comodo tener presente, più spesso che no.

Completa il pacchetto di questa release targata Frontiers il DVD “Live In Rockford”, originariamente uscito nel 2006 solo negli Stati Uniti.

Voto recensore
7
Etichetta: Frontiers

Anno: 2008

Tracklist: 01. What's Victoria's Secret?
02. I'll Miss That Someday
03. Venus In Overdrive
04. One Passenger
05. Oblivious
06. 3 Warning Shots
07. Time Stand Still
08. God Blinked (Swing It Sister)
09. Mr. PC
10. She
11. Nothing Is Ever Lost
12. Saint Sahara
Sito Web: http://www.myspace.com/officialrickspringfield

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login