7th Heaven – Recensione: U.S.A. – U.K.

Gli americani 7th Heaven sono una creatura già nota a chi bazzica un po’ la rete ed è affamato di AOR, e sono uno dei tanti misteri del mercato discografico: la grande capacità di scrivere dei chorus istantaneamente memorizzabili, muovendosi su coordinate stilistiche a metà tra Def Leppard e Harem Scarem, unita a più massicce dosi di pop sotto forma di tastiere danno vita ad un sound magnetico, a tratti davvero irresistibile nella sua presa immediata. Eppure il loro album “Silver” non è mai arrivato nel vecchio continente: ecco che, allora, la sostituzione del cantante precedente con il sudafricano Keith Semple è un’ottima occasione per riproporre in nuova veste sei perle dal passato ed unirle a dodici pezzi nuovi di zecca, nella speranza che arrivi l’agognata distribuzione europea.

In alcuni casi, vedi la già celeberrima “Cellophane” o – sulla stessa linea d’onda e anch’essa proveniente da “Silver” – “Kill The Cycle”, si tratta davvero di melodie irresistibili e una volta di più sorge l’interrogativo sul motivo per cui i 7th Heaven non sono già benedetti da un successo planetario. Splendida e trascinante pure “Undone”, così come l’ariosa e leggera “This Summer Gonna Last Forever”, nuova arrivata in una costellazione già molto popolosa. Se bisogna cercare un unico, meno noto ma musicalmente molto vicino termine di paragone – oltre ai numi tutelari già citati sopra -, vengono in mente pure i sottovalutati Tower City, autori di quel piccolo gioiello chiamato “A Little Bit Of Fire”. Ma questa, come si dice, è un’altra storia.

La scelta, ancora una volta dopo “Silver”, di abbondare con il numero di tracce selezionate per l’album è l’unico elemento discutibile di un’operazione che farà felicissimi tutti gli appassionati di quell’AOR così catchy che in fondo non può non piacere.

Voto recensore
8
Etichetta: Ntd Records

Anno: 2008

Tracklist:

01. Better This Way
02. Cellophane
03. Still Be Here
04. Gravity
05. Gave You My World
06. Kill The Cycle
07. This Summer Gonna Last Forever
08. Ghost Of Me
09. Save Your Life
10. Hand On My Heart
11. Winning It All
12. Oh So Really Old
13. Tragedy
14. Undone
15. Dream Of A New Day
16. Electronic Karma
17. Take Me Back
18. While You Dream


giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login