Trick Or Treat – Recensione: The Unlocked Songs

Se siete ancora afflitti per le conseguenze della pandemia e siete alla ricerca di un’oretta di svago dalle paturnie legate al quotidiano, allora il ritorno dei Trick or Treat è senza ombra di dubbio il disco che far per voi. Complice l’immobilità a cui sono stati costretti la quasi totalità degli artisti mondiali, il combo modenese ha deciso di dare alle stampe “The Unlocked Songs”, una raccolta di brani pescati dai loro archivi, una collezione che può vantare qualche inedito, tracce remixate, cover, bonus track rare, versioni acustiche e demo.

Viste le premesse, dunque, l’unica cosa che dovete aspettarvi da queste dodici tracce è puro e sfrenato divertimento, un turbinio di emozioni scandite da cavalcate Power Metal, ballad folk, strumentali suggestive, tutti resi ancora più superlativi dalla splendida voce di Alessandro “Alle” Conti, che si è occupato anche dell’illustrazione di copertina.

 

 

Senza indugi, aprite lo scrigno e lasciatevi travolgere dall’energia di “Hungarian Hangover”, brano inedito che mette in evidenza le doti migliori del combo nostrano: ritmiche martellanti, ritornelli coinvolgente, assoli al fulmicotone e un cantato potente e al tempo stesso evocativo. Un vero peccato averlo tenuto in archivio per tanto tempo. Ma adesso possiamo godercelo. Il disco continua lunga queste coordinate con brani vibranti (la cover della sigla dell’anime I Cavalieri dello Zodiaco), ironici (“Heavy Metal Bunga Bunga”), altri più blueseggianti (“Almost Gone”, “Hampshire Landscapes”), ma tutti animati dallo stesso spirito: Metal e divertimento.

Nonostante si tratti di brani che non hanno trovato posto sui vari dischi, la qualità media è più che sufficiente e rende l’ascolto un’esperienza sicuramente piacevole e interessante, in grado di 

Difficile non pensare agli Helloween, di cui ci viene proposta una cover dal vivo di “I’m Alive”; la storica band di Amburgo è un riferimento vivo nella proposta dei nostri e “The Unlocked Songs” ne è senza dubbio un fulgido esempio. Giunti al termine dell’ascolto, non si può non essere felici di aver concesso ai Trick or Treat una possibilità ascoltando una raccolta davvero interessante. Certo, l’ascolto appare più consigliato ai fan del gruppo, che vogliono conoscere ogni traccia o demo tenuta nascosta. Ma siamo certi che, vista la bontà delle singole tracce e la classe cristallina dei membri della band, anche un neofita saprà apprezzare quanto proposto. Con la promessa, di approfondire la discografia dei Nostri e restare folgorati dai vent’anni di carriera.

Anche in una veste slegata da dinamiche commerciali, i Trick or Treat si dimostrano impeccabili rappresentanti di un genere che, mai come ora, necessità di talento e voglia di divertirsi. Bravi ragazzi!

Etichetta: Scarlet Records

Anno: 2021

Tracklist: 01. Hungarian Hangover 02. Almost Gone 03. I Cavalieri dello Zodiaco 04. Dragonborn – Skyrim 05. Heavy Metal Bunga Bunga 06. Prince With a 1000 Enemies (Andre Matos version) 07. Scream 08. Human Drama 09. Hampshire Landscapes 10. Sagittarius – Golden Arrow (acoustic-orchestral) 11. Evil Needs Christmas Too 12. Like Donald Duck (demo 2004)
Sito Web: http://www.trickortreatband.com/

Pasquale Gennarelli

view all posts

"L'arte per amore dell'arte". La passione che brucia dentro il suo cuore ad animare la vita di questo fumetallaro. Come un moderno Ulisse è curioso e temerario, si muove tra le varie forme di comunicazione e non sfugge al confronto. Scrive di Metal, di Fumetto, di Arte, Cinema e Videogame. Ah, è inutile che la cerchiate, la Kryptonite non ha alcun effetto su di lui.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login