Avatar – Recensione: Thoughts Of No Tomorrow

Tutte le speranze si riversano sempre sui giovani e noi ci adeguiamo parlando di una band che porta questa importante caratteristica e che può sfruttarla nel migliore dei modi. L’età media della formazione (piantata sui vent’anni) e la tecnica espressa, fanno ben sperare per il futuro. La band prende forma nel 2001 e tiene In Flames, Arch Enemy, Dark Tranquillity e Soilwork come punti di riferimento, forse in dose anche troppo massiccia, in quanto vengono ripresi temi e tempi di queste colonne includendo poco e niente d’innovativo. In generale si esprimono tramite un death metal melodico che, a malincuore, ci lascia ogni volta con quella sensazione di “non finito”, abbandonando le cose migliori sempre sul più bello. L’ottimo temperamento delle chitarre dimostra una buona preparazione tecnica e una vena artistica altrettanto ispirata, influenzata da una matrice progressive che infiamma il disco e lo rende più interessante. Non possiamo dire altrettanto delle capacità del vocalist, sicuramente autore di una prestazione di scarso spessore, incapace di esibirsi in minime evoluzioni canore. Insomma ai giovani Avatar manca quella componente detta “modo di essere”, vale a dire una personalità, a cui normalmente si arriva tramite l’esperienza. Il tempo non manca sicuramente, per intraprendere la giusta strada e scrollarsi di dosso paragoni ingombranti, costruendo qualcosa che faccia riflettere per più della durata di un disco. Noi siamo più che fiduciosi, perché ci aspettiamo tanto da una band che ha suonato e continua a suonare sulle scene che contano e detiene, a dir poco, ottimi margini di miglioramento. Aspettatevi buone nuove!

Voto recensore
6
Etichetta: Gain Records / Audioglobe

Anno: 2006

Tracklist:

01. Bound To The Wall

02. And I You Farewell

03. Last One Standing>br>

04. War Song

05. The Willy

06. My Shining Star

07. My Lie

08. Stranger

09. The Skinner

10. Sane?

11. Slave Hive Meltdown


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login