The Word Alive – Recensione: Dark Matter

Dark Matter” è il quarto studio album degli americani The Word Alive, band Metalcore attiva dal 2008. Se la precedente prova sulla lunga distanza “Real” registrava una metta virata del combo verso sonorità più immediate e meno aggressive, incentrate maggiormente sulla potenza lirica dei brani che non sul loro impatto. Il gruppo è cresciuto, superati i problemi di formazione e qualche inconveniente fisico, e con questo “Dark Matter” raggiunge un equilibrio compositivo notevole in cui l’elettronica gioca un ruolo importante.

L’opener “Dreamer” si conduce attraverso atmosfere sognanti con la voce di Tyler Smith sempre più aperta verso soluzioni pulite che gli permettono di conferire maggiore espressività a ogni brano. “Trapped” è il primo singolo estratto dal disco e resta in bilico tra le due anime della band, quella più aggressiva (con riff distorti e sincopati) e aperture più commerciali e pulite. “Face To Face” potrebbe essere considerata la ballad del disco col suo sviluppo che l’avvicina a certe composizioni Alternative. Fin qui la i The Word Alive hanno messo in mostra una capacità esecutiva e di scrittura notevole in cui diverse influenze (su tutte quella dei Linkin Park e dei Bring Me To Horizon) convivono in maniera equilibrata attraverso la rilettura personale e originale della band.

Sellout” riprende lo stile originario del gruppo con un’impostazione Hardcore in cui viene esaltato il lavoro alla batteria di Luke Holland, mentre la successiva “Insane” ammalia e conquista con le sue sonorità catchy e un bell’assolo di Zack Hansen. La seconda parte del disco continua in questa alternanza tra brani più solari come “Made This Way”, la splendida “Suffocating” o la sognante “Piece Of Me”. La parte finale del disco è davvero notevole, caratterizzata dall’impatto emotivo di “Branded” (ottimo il lavoro alla chitarra di Hansen e Tony Pizzuti), la title-track, potente e devastante nella prova canora di Smith e nell riffarama, e la conclusiva “Oxy”.

Dark Matter” è senza dubbio un buon lavoro, ben prodotto e ben suonato da musicisti capaci e dotati. Dobbiamo dare ampio credito ai The Word Alive per la volontà di evolversi e di non voler abusare di una formula canzone già consolidata, segno di una maturità artistica di sicuro valore.

The Word Alive Dark Matter Cover Album 2016

Voto recensore
7
Etichetta: Fearless Records

Anno: 2016

Tracklist: 01. Dreamer 02. Trapped 03. Face To Face 04. Sellout 05. Insane 06. Made This Way 07. Suffocating 08. Piece Of Me 09. Branded 10. Grunge 11. Dark Matter 12. Oxy
Sito Web: http://wearethewordalive.com/

Pasquale Gennarelli

view all posts

"L'arte per amore dell'arte". La passione che brucia dentro il suo cuore ad animare la vita di questo fumetallaro. Come un moderno Ulisse è curioso e temerario, si muove tra le varie forme di comunicazione e non sfugge al confronto. Scrive di Metal, di Fumetto, di Arte, Cinema e Videogame. Ah, è inutile che la cerchiate, la Kryptonite non ha alcun effetto su di lui.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login