Winds – Recensione: The Imaginary Direction Of Time

Dopo l’acclamato ‘Reflections Of The I’, disco che aveva raccolto consensi un po’ ovunque, è tempo per gli Winds di riaffacciarsi sulle scene con il nuovo ‘The Imaginary Direction Of Time’. La formula vincente del precedente album costituisce un terreno solido su cui lavorare, almeno queste sembrano essere state le considerazioni fatte da Hellhammer (sempre sublime nelle sue performance) e compagni in fase di songwriting. Immediatamente riconoscibile, il sound degli Winds non rinuncia alla sua buona dose di lirismo e sinfonia, richiamando per attitudine più che per effettive somiglianze la band principale del batterista norvegese (sì, parliamo degli Arcturus). Spostati comunque verso sponde più gotiche, i brani del disco danno spazio a pregevoli intermezzi pianistici e sinfonici (è presente un quartetto d’archi), con la componente gotica di cui sopra a tenere sotto controllo le schegge più (prog) metalliche. Parola d’ordine, al di sopra di ogni cosa, è senza dubbio eleganza. Il risultato di tale meta artistica è certamente raggiunto, sia a livello formale che di sostanza, ma non si esime tuttavia dal presenziare alcuni difettucci. Le linee vocali infatti si adagiano troppo spesso sulle solite soluzioni, appiattendo un po’ le composizioni. Stesso discorso per il lavoro delle chitarre distorte, che nel loro ruolo di comprimario (non che sia un male, chiaro) non colpiscono affatto, ma si accontentano di sostenere il brano senza sussulti. Per questo è necessario un ascolto approfondito dell’album, capace di focalizzare opportunamente i diversi arrangiamenti e distinguere con padronanza le dodici tracce di ‘The Imaginary Direction Of Time’.

Chi ha apprezzato ‘Reflections Of The I’ sicuramente non resterà deluso dal come back discografico degli Winds; chi invece pensa di approcciarsi per la prima volta a questa band, specie se in cerca di un modo elegante e raffinato di suonare avantgarde metal, avrà di che gioire, ne siamo certi.

Voto recensore
7
Etichetta: Blackend / Audioglobe

Anno: 2004

Tracklist: 01. What Is Beauty
02. Sounds Like Desolation
03. Theory Of Relativity
04. Visions Of Perfection
05. The Fireworks Of Genesis
06. Under The Stars
07. A Moment For Reflection
08. Time Without End
09. The Final End
10. Beyond Fate
11. Silence In Despair
12. Infinity

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login