Demiurg – Recensione: The Hate Chamber

Superband death metal i Demiurg dovevano essere un progetto occasionale ispirato dalla collaborazione tra Rogga Johansson e Dan Swanö (passato qui dalla batteria alla chitarra, lasciando il posto ad un turnista d’eccezione come Ed Warby) senza che venisse messo in conto un seguito, ma evidentemente il buon successo del disco d’esordio ha consigliato ai nostri di continuare la strada intrapresa. “The Hate Chamber” ricalca infatti totalmente lo schema già approntato l’anno scorso, accostando sfuriate death-thrash metal molto classiche a parti atmosferiche più melodiche. Una scelta che sicuramente risiede nel DNA dei musicisti coinvolti e che lascia trasparire ovvi richiami a band come Edge Of Sanity, Hypocrisy e Gorefest. Di buono ci sono la notevole brillantezza del suono, la pregevole dinamicità delle ritmiche e una composizione snella dall’impatto immediato, mentre sull’altro piatto della bilancia va messa la pochezza espressiva di una voce troppo ancorata al death metal per il contesto globale (solo nell’ultimo brano si fa uso di vocals pulite e la differenza si sente) e una linearità a volte eccessiva che sfocia immancabilmente in passaggi troppo standardizzati. E’ però indubbio che a manipolare la materia con tanta efficacia non siano in molti nel circolo musicale estremo, quindi ben vengano anche questi divertissement senza pretesa alcuna di innovazione, quando soddisfano gli indici qualitativi riscontrabili qui. Nel complesso ci troviamo infatti ad ascoltare un album solido e suonato in modo estremamente professionale che piacerà senza dubbio a chi segue da sempre le gesta del poliedrico Dan.

Voto recensore
6
Etichetta: Mascot / Edel

Anno: 2008

Tracklist: 01. Resurrecting the Rotting (Flesh Festival pt. II)
02. Cremated Lie the Day
03. The Terror Before Sleep
04. Wolves At the Gates
05. The Apocalyptic
06. World Destroyer
07. The Convulse Meridian
08. Dawn Dusk Delusion
09. Opus Morbidity (City of Ib pt. III)
10. Cult of Dagon
Sito Web: http://www.myspace.com/demiurgofficial

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login