Schenker-Pattison Summit – Recensione: The Endless Jam Continues

Ci risiamo. Michael Schenker ci mette gli assoli roventi al retrogusto di valvola rosolata a fuoco lento fin dagli anni settanta. Davey Pattison una voce educata alla scuola di Paul Rodgers. Aynsley Dunbar e Tim Bogert si aggregano giocando a fare la sezione ritmica inaffondabile e, non certo a sorpresa, ci riescono da par loro. Insieme, i quattro eseguono cover di brani famosi e meno famosi degli anni d’oro… del rock-blues schietto e senza coloranti o conservanti, ovviamente.

Ma c’è bisogno di registrare l’ennesima versione della claptoniana ‘Layla’, oppure di incidere una così tranquilla ‘I Don’t Need No Doctor’ senza aggiungere nulla di significativo all’originale?

In pratica, di fronte a questo ‘The Endless Jam Continues’, ci troviamo costretti a ripetere un giudizio identico a quello che avevamo riservato al primo capitolo della serie: un inutile, per quanto piacevole e competentemente suonato, esercizio di stile messo in commercio per cercare di incassare qualche soldo con il minimo sforzo possibile.

Cercate gli originali.

Etichetta: Mascot / Edel

Anno: 2005

Tracklist: 01.Rock Steady
02.While My Guitar Gently Weeps
03.Too Rolling Stoned
04.Layla
05.I'm Losing You
06.The Hunter
07.Badge
08.I Don't Need No Doctor
09.Dear Mr. Fantasy
10.Wang Dang Doodle
11.I'd Love To Change The World

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login