Speed Stroke – Recensione :Fury

Fury” è il secondo album in studio realizzato dai romagnoli Speed Stroke. La band si forma sei anni fa ed esordisce nel tributo a Dave Lepard (Crashdiet) “Reborn In Sleaze” del 2011 con la loro versione di “Riot In Everyone”, mentre due anni dopo sono maturi per l’uscita dell’omonimo debutto che li porta anche a calcare il palco con grandi artisti come Hardcore Superstar, Steel Panther, Tigertailz e tanti altri.

Ora li ritroviamo ai blocchi di partenza con questo nuovo “Fury” che è stato registrato e mixato al Boat Studio di Marco Paradisi e che vede al mastering Giovanni Versari, noto per il suo lavoro con i Muse sull’album “Drone”, segno che la band non bada proprio alle ciance e si proietta a raccogliere i frutti che hanno seminato con questo album di pregevole street rock a cui non manca proprio nulla per sfondare.

Un sound compatto e omogeneo caratterizza queste undici composizioni con chitarre sempre in evidenza e la giusta attitudine che non guasta affatto. Già con l’iniziale e adrenalinica “Demon Alcohol” la band si gioca uno dei pezzi migliori del lotto, una street’n’roll track da sballo dotata di un chorus a dir poco esplosivo. Non da meno la seguente “Break Your Bones” dall’incedere incalzante e veloce che non da tregua, mentre “Bet It All” è più sleazy e stradaiola, dal sound più ruvido e sporco con le chitarre che ti sbattono in faccia la potenza di tutte e sei le loro corde e ti spingono a volerne di più. Con “From Scars To Stars” si riprende un po’ fiato prima della irriverente e adrenalinica “The End Of The Flight” e non è da meno l’incalzante “1 More 1”, un pezzo dinamico e vincente dal grande potenziale in sede live. Uno dei brani più riusciti e rappresentativi di questo “Fury” è l’anthemica “Believe In Me” una cascata sonora di bruciante e  trascinante street rock dal grande impatto e non da meno la electric ballad “City Lights” che esula dall’ essere melensa e sdolcinata e si lascia ascoltare molto piacevolmente.

In sostanza “Fury” raccoglie la tradizione dell’hard rock americano attualizzandolo con dosi di modernità e rendendo questo lavoro al passo con i tempi e mai scontato dando una boccata di freschezza anche nell’underground italiano per troppo tempo rimasto vittima dei soliti triti e ritriti cliché. Un ascolto è d’obbligo per tutti gli amanti del genere.

Speed Stroke-Fury

Voto recensore
7,5
Etichetta: Bagana Records

Anno: 2016

Tracklist: 01. Demon Alcohol 02. Break Your Bones 03. Bet It All 04. From Scars To Stars 05. The End Of The Flight 06. 1 More 1 07. Believe In Me 08. City Lights 09. Lock Without A Key 10. Love In A Cage 11. Monnaliesa
Sito Web: http://www.speed-stroke.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login