Terror 2000 – Recensione: Slaughter In Japan

Pensate ad un gruppo thrash sul palco. Immaginate le teste dei musicisti in preda all’headbanging più scatenato. Travolti dal muro di suono, dalla potenza delle chitarre e dal volume della sezione ritmica cercate di vedervi catapultati entro lo show. Un live album è un’occasione di poter assistere, in qualche modo, ad un evento che vi siete persi o la possibilità di poterlo ricordare a lungo. Un live album dovrebbe garantire una cura che convalidi il suo acquisto. Un live album dovrebbe esser una soddisfacente prova di quanto un gruppo sul palco ci sappia fare. Un live album… possiamo dire che ‘Slaughter In Japan’ lo sia? Noi diciamo di no, considerata la sua parvenza di bootleg di terza fascia. Con dei suoni penosi (chitarre inesistenti, sonoro distante che fa perdere contatto con il palco, voce altisonante) e solo dieci pezzi (quaranta minuti di spettacolo? Non vi sembrano un po’ pochi?) possiamo sentirci davvero parte dell’evento? Forse è meglio immaginarsi direttamente a casa seduti sul divano a leggere un giornale che vedersi fuori dal locale cercando di carpire con fatica cosa stia avvenendo on stage… Allora della prestazione dei Terror 2000 si può dire poco, quel poco che si intuisce da una qualità complessiva che fa scemare la voglia di completare l’ascolto dell’album. Probabilmente accettabile, probabilmente discreta, ma, in fondo, chi può dirlo con assoluta certezza… ‘Slaughter In Japan’, e qui non ci si può sbagliare, lascia perplessi. Molto perplessi. Scarsa qualità.

Voto recensore
4
Etichetta: Scarlet / Audioglobe

Anno: 2003

Tracklist: 01. Intro
02. Son Of A Gun, Daughter Of A Slaughter
03. Faster Disaster
04. Slaughterhouse Supremacy
05. Back With Attack
06. Menace Of Brutality
07. Firebolt
08. Born-Out In Blood
09. (You're The) Devil In Disguise
10. Terror 2000

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login