Black Therapy – Recensione: Symptoms Of A Common Sickness

Esuberanti e spinti dalla passione in comune per il metal, i Black Therapy nascono nel 2009 da un’idea dei due chitarristi, Daniele Rizzo and Lorenzo “Kallo” Carlin, spronati dal forte desiderio  di far conoscere la propria musica anche al di fuori del Lazio. Dopo svariate ricerche finalizzate al solo di scopo di completare la lineup, l’anno successivo la band dà alle stampe il primo demo, “Through This Path” ed ecco che tre anni più tardi, i nostri debuttano sulla lunga distanza con il loro debut album, intitolato “Symptoms Of A Common Sickness”.  Affidatisi alle “cure” di Bob Romano per la pregevole produzione, questi giovani musicisti ci propongono un melodic death di chiara scuola svedese, che in più passaggi richiama le atmosfere di mostri sacri come In Flames e Dark Tranquillity, senza però snobbare una certa varietà musicale che rende questo platter un esordio musicale di buona fattura.

Nella sua interezza, questo disco è un lavoro molto variegato, energico, che non si limita al canonico death metal ed anzi, è caratterizzato da un’ottima padronanza tecnica, da cambi di tempo repentini e sfuriate di chitarre aggressive (“Path To Hell”, “Advance”, “The Night Is Mine”) e da una vasta varietà compositiva, che sfocia sia in episodi piuttosto black (la titletrack), sia in episodi brutal (l’omonima “Black Therapy”) per poi virare a lidi più thrash (“Desert Blood”), senza disdegnare persino alcuni brani strumentali (“The Last Soul” e “Still Black Beyond The Light”) che rendono la proposta musicale dei romani maggiormente eterea, resa tale specialmente dal timbro vocale rabbioso e graffiante del vocalist Giuseppe Di Giorgio, che riesce abilmente ad alternare il proprio growl allo scream senza risultare per niente artefatto, come invece spesso accade a molti vocalist che si destreggiano in questo tipo di cantato. A conti fatti, questo album è una release da non sottovalutare, certamente consigliata per gli amanti del melodic death “old school” e per coloro che volessero destreggiarsi nell’ascolto di una proposta interessante. Una band che noi della Redazione terremo indubbiamente sott’occhio.

Voto recensore
7
Etichetta: Revalve Records

Anno: 2013

Tracklist:

01. From High
02. Black Therapy
03. Advance
04. The Time Is Dead
05. Symptoms Of A Common Sickness
06. The Last Soul
07. The Night Is Mine
08. Path To Hell
09. Desert Blood
10. Melancholy
11. Still Black Beyond The Light


Sito Web: www.blacktherapy.it

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login