Kix – Recensione: Rock Your Face Off

Sono passati più di vent’anni dall’ultima release in studio dei Kix. Glam metal diretto e senza troppe pretese, la band riprende il discorso come se ci trovassimo a metà anni Ottanta, cercando di inserirsi nel filone revivalistico con una certa efficacia, ma lasciando più di un dubbio sulla reale necessità di proporre nuovi pezzi non certo indimenticabili. Conoscono bene il mestiere i Kix, e il fatto che buona parte della line-up originale partecipi a “Rock Your Face Off” garantisce una certa godibilità: ci sono il cantante Steve Whiteman, Jimmy Chalfant alla batteria, Ronnie Younkins e Brian Forsythe alla chitarra, l’unica eccezione è data da Mark Schenker al basso.

Eppure, dopo un paio di ascolti, l’album paga lo scotto della superficialità, con le eccezioni rappresentate dall”opener “Wheels In Motion”, dalla frizzante e divertente “You’Re Gone”, per finire con l’allegria contagiosa di “All The Right Things”. Per il resto il sapore più intenso è quello della plastica e la sensazione è che ci sia ben altro, dietro a questa reunion, rispetto alla reale urgenza di raccontare qualcosa in musica. Forse i fan della band o gli immarcescibili romantici innamorati di quell’epoca si lasceranno prendere dalla nostalgia ed apprezzeranno, rimane però il dubbio che ci possa essere altro potenziale pubblico per questa release.

Voto recensore
5
Etichetta: Loud & Proud Records

Anno: 2014

Tracklist:

01. Wheels In Motion
02. You’re Gone
03. Can’t Stop The Show
04. Rollin’ In Honey
05. Rock Your Face Off
06. All The Right Things
07. Dirty Girls
08. Inside Outside Inn
09. Mean Miss Adventure
10. Love Me With Your Top Down
11. Tail On The Wag
12. Rock & Roll Showdown


Sito Web: http://www.kixband.com/

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Keifer_glam

    Beh, quando ho letto la notizia che l’album ha risalito la top 50 di Billboard 200, ho pensato che fosse un capolavoro da avere assolutamente. Deluso! Album dal classico sound dei Kix, ma nessun pezzo degno di nota. Al massimo da 6 e mezzo.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login