Black Fate – Recensione: Between Visions & Lies

Che mi venga un colpo se questi non sono i Kamelot! Ad un primo ascolto dell’opener “Rhyme Of A False Orchestra” ero convinto di trovarmi di fronte ad una bonus track di “Ghost Opera”, invece, a sorpresa ho estratto il cd e letto il moniker Black Fate. La band greca, tra lavori autoprodotti ed altri pubblicati per label ultraindipendenti, arriva al quarto disco con “Between Visions & Lies”, un lavoro in tutto e per tutto devoto ai Kamelot.

Non solo le atmosfere create nei pezzi da arrangiamenti magniloquanti sembrano presi in prestito dalla band di Thomas Youngblood, ma anche la voce del frontman Vasilis Georgiou è uguale spiccicata a quella dell’ex Roy Khan. Le componenti per piacere ai fan del symphonic prog metal ci sono tutte, dagli stacchi ritmici in stile Conception (tante per citare una band a caso), i vocalizzi gothic oriented in passaggi eterei e rarefatti e cavalcate emozionanti guidate da riffing movimentati. Alcune canzoni di “Between Visions & Lies” sono da sballo, nonostante in alcuni frangenti si arrivi quasi al plagio (“Games Of Illusions”), ma un fan del genere non può rimanere indifferente ad un brano intenso come “In Your Eyes”. Il giochino funziona soprattutto nella prima parte dell’album, poi l’effetto sorpresa cala ed i Black Fate continuano a girare intorno alle stesse soluzioni, senza, però, trovare l’ispirazione delle song poste in apertura. Inoltre, una produzione a budget contenuto, che non può certo competere con quelle dei big, in alcuni passaggi taglia le gambe al fantasioso batterista e non valorizza appieno gli arrangiamenti, che non esplodono e restano piccoli piccoli.

In ogni caso i Black Fate dimostrano di aver studiato per bene i Kamelot e di avere comunque tecnica e classe, perché non è affatto facile ricreare certe atmosfere. “Between Visions & Lies” è un album che con una produzione cristallina ed un pizzico in più di coraggio in fase di songwriting avrebbe potuto essere grandioso, ma che resta una piacevole sorpresa ed un’ottima alternativa ai soliti noti.

Voto recensore
6,5
Etichetta: Ulterium Records

Anno: 2014

Tracklist:

01. Rhyme Of A False Orchestra

02. Line In The Sand

03. Games Of Illusion

04. Into The Night

05. In Your Eyes

06. Call Of The Wild

07. State Of Conformity

08. Without Saying A Word

09. Perfect Crime

10. Weight Of The World

11. In Fear (outro)


Sito Web: https://www.facebook.com/blackfategreece/info

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login